Sab 14 Ago 2021 - 6531 visite
Stampa

Spal, c’è la firma sul closing. Inizia l’era di Joe Tacopina

Le parti hanno siglato l'accordo per il passaggio di proprietà dopo più di tre ore passate nello studio del notaio Leoni di via Palestro

(foto di Alessandro Castaldi)

di Davide Soattin 

Ora è ufficiale per davvero. Nella mattinata di ieri, venerdì 13 agosto, la famiglia Colombarini ha lasciato la guida della Spal dopo otto anni e ha passato il testimone a Joe Tacopina, che lo ha raccolto diventando il nuovo presidente della Spal, al termine di una trattativa iniziata nei primi giorni di giugno e conclusasi con il tanto atteso closing.

Poco più di due mesi di dialoghi, incontri, rumors iniziati con l’avvistamento dell’ex numero uno di Bologna e Venezia in compagnia del digì Gazzoli davanti al Castello Estense, proseguiti con la conferenza stampa in cui Colombarini e Mattioli presentarono il progetto per “una salvezza tranquilla” senza chiudere la porta a eventuali investitori fino alla firma sul contratto preliminare di vendita dello scorso 16 luglio che ha portato fin qui.

La giornata è iniziata intorno alle 8.20 con l’arrivo di un sorridente Simone Colombarini nello studio del notaio Francesco Leoni di via Palestro, raggiunto poco più tardi – verso le 9.15 – dal direttore generale Andrea Gazzoli e dal financial advisor Dante Scibilia, uomo di fiducia dell’avvocato italoamericano.

Intorno alle 10 poi è stato il turno di un elegante Joe Tacopina, camicia blu e pollice all’insù all’americana, accompagnato dal suo legale e amico Gianluca Cambareri, socio del prestigioso studio legale romano Tonucci & Partners, che ha curato il passaggio della Spal nelle sue mani.

L’incontro è durato più di tre ore, durante le quali sono state sbrigate le ultime pratiche burocratiche e apposte le firme sui documenti che hanno sancito il primo passaggio di quote tra le parti (il secondo avverrà a gennaio 2022) e l’inizio di una nuova era per il club di via Copparo, mentre davanti al portone si è alternato un via vai di tifosi e semplici curiosi nella speranza di intravedere qualcuno.

A tal proposito è intervenuto anche il primo cittadino Alan Fabbri: “Con la firma di oggi si chiude un glorioso pezzo di storia della Spal e si apre una fase nuova. Ringrazio la famiglia Colombarini e l’ex presidente Walter Mattioli per averci regalato il sogno della Serie A, per aver creduto e aver investito ingenti risorse nella Spal, per l’attaccamento, la passione e la dedizione che hanno sempre messo in campo”.

E ha aggiunto: “Buon lavoro all’avvocato Joe Tacopina e al suo staff, con l’augurio che il suo auspicio di riportare la squadra in A si avveri prestissimo. Tutti tifiamo per questo obiettivo. Lo ringrazio per le belle parole che ha rivolto a Ferrara. Sarò felice di incontrarlo e di scambiare con lui idee e prospettive“.

“La Spal – ha concluso Fabbri – non è solo una squadra: è un territorio, è una fede calcistica, è tradizione, è passione, è una grande tifoseria ed è fatta anche di un vivaio di giovani che trovano nei colori biancazzurri valori e orgoglio di appartenere a una grande storia. Queste sono e rimarranno le radici più vere e più solide“.

Dopodiché, prima della conferenza stampa che si è tenuta allo stadio ieri pomeriggio (venerdì 13 agosto), le due parti sono andate a pranzo insieme in un ristorante del centro storico, mentre ieri sera era prevista una festa d’addio (dovrebbe essersi tenuta al Kastadiva Kitchen Gallery) con cui l’ex patron Simone e il nuovo presidente hanno festeggiato la chiusura dell’affare.

 

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa