Maurizio Musacchi

Maurizio Musacchi

Sono nato a Ferrara, dove abito da sempre, il 20 aprile 1940. Ho svolto diversi lavori prima di diventare autista di scuolabus nella “storica” scuola d’agricoltura Istituto Navarra di Malborghetto di Boara. Trasferito al Provveditorato agli Studi di Ferrara, negli ultimi dieci anni circa di lavoro, prima della pensione, ho iniziato, spinto da numerosi colleghi, a scrivere poesie, “zirudèle” e altro. Mi sono iscritto così a premi letterari vincendone alcuni o piazzandomi tra i primi, una sessantina di volte. Ho pubblicato due libri: “Piccole memorie in una piccola Ferrara”, in e-book, e “San Valentino a Ferrara”. Sono presente in numerose antologie, riviste e altro, prevalentemente in Dialetto Ferrarese, del quale ho pubblicato in compagnia con diversi studiosi e intellettuali un vocabolario. La professoressa Floriana Guidetti, fondatrice della compagnia teatrale “I ragazit da ‘na volta”,scrittrice, poetessa regista teatrale e una dei massimi esperti di Dialetto Ferrarese, mi ha “costretto” ad interpretare una parte consistente in una sua commedia in vernacolo “La Sgnóra Mercèdes”. Da quel momento ha cominciato a recitare, collaborando con diverse compagni e teatrali Ferraresi.

Da Maurizio Musacchi On martedì, novembre 28th, 2017
0 Comments

Poesie di Tamba da ascoltare

Questa volta, amici del dialetto ferrarese, vi propongo un paio di poesie di uno dei più grandi amici della nostra stupenda lingua: Luigi “Gigi – Tamba” Vincenzi. Una seria (La quistion dlà difarénza), More...

Da Maurizio Musacchi On domenica, novembre 26th, 2017
0 Comments

Anna Frank, il vecchio e la nipote

Il vecchio Mario mi guarda assorto. Ripone il giornale sul tavolo, accanto ad una tazzina di caffè e un bicchier d’acqua: – Sai che Anna Frank potrebbe essere, in quanto ad età, mia nipote? Oppure gli More...

Da Maurizio Musacchi On mercoledì, novembre 8th, 2017
0 Comments

Poesie ferraresi di Ferraguti in video

Vittorio Sgarbi e Alfonso Ferraguti. Sembra che il Ferraguti, fosse l’unico poeta del nostro amato vernacolo, amato dal “poco comodo” critico di Ro. Carissimi amici del nostro dialetto, oltre a questa notizia, More...

Da Maurizio Musacchi On martedì, novembre 7th, 2017
0 Comments

L’insediamento del Gran Ducato di Ferrara e della Salama

Il Duca Azzo presenta la sua squadra e il nuovo partito, Forza Spal, con una sigla che però lascia un po’ perplessi…  More...

Da Maurizio Musacchi On domenica, ottobre 29th, 2017
0 Comments

C’era tanta nebbia a Ferrara

La bruma s’infittisce. Ora lungo Corso Porta Po, non si notano, oltre i cento metri, nemmeno le sagome delle automobili. Sulle labbra di Maura c’è un nome, un perché, un qualcosa: facile non abbia mai inteso More...

Da Maurizio Musacchi On giovedì, ottobre 12th, 2017
0 Comments

Anche Ferrara vuole la secessione

Dopo la Catalogna, anche Ferrara chiede la secessione. Ma da Bologna. Ecco il programma costitutivo, con i simboli del nuovo ducato: ciupéta, caplàz e l’immancabile bandiera della Spal  More...

Da Maurizio Musacchi On giovedì, settembre 28th, 2017
0 Comments

Poesie per i donatori di sangue

Dedicata ai donatori di sangue e alla passione per il calcio di un piccolo poeta. Carissimi Amici del Ferrarese. Vi propongo due poesie: La prima,(mia), che ha vinto il “Premio Speciale Avis”, l’ho dedicata More...

Da Maurizio Musacchi On sabato, settembre 16th, 2017
0 Comments

La “leggenda” delle due Spal

Sento un vociare concitato. Giunge dalla panchina dirimpettaia l’appartamento di un condominio nel quale abito, alla periferia di Ferrara: -Mò Eros vót metar la Spal d’al di d’iƞquó coƞ la tò ad zinquan’t’ann More...

Da Maurizio Musacchi On venerdì, agosto 25th, 2017
0 Comments

Bruno Pasini, un grande poeta

Amici della lingua ferrarese. Vi propongo tre poesie di quello che è considerato il più grande poeta dialettale ferrarese. Ma perché dialettale? È un poeta… un grande poeta. Dall’antologia dei poeti-scrittori More...

Da Maurizio Musacchi On giovedì, agosto 10th, 2017
0 Comments

Quegli … “scherzi” di Góss e Tartàja

Eravamo suppergiù negli anni cinquanta, io abitavo in Porta Po a Ferrara. Dietro la mia casa c’era un orto d’un certo Castellazzi che arrivava fino a via Arianuova e alla destra del mio cortile vedevo la parte More...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi