Dom 21 Lug 2019 - 1050 visite
Stampa

La Spal saluta Tarvisio con una vittoria

Convincente 2-0 contro il Pordenone. A segno Valoti e Petagna su rigore

(foto di Andrea Castaldi)

di Andrea Mainardi

Sono passi avanti evidenti, quelli che i biancoazzurri hanno messo in mostra nella seconda amichevole stagionale rispetto alla prima uscita di qualche giorno fa anch’essa vittoriosa contro il Nova Gorica. Questa volta l’avversario era di levatura ben maggiore e, soprattutto nel primo tempo, il Pordenone ha dovuto chiamare Demba a più di un intervento complicato per salvare la propria porta.

La Spal comunque ha mostrato sprazzi di bel gioco mettendo in mostra a più riprese sia Petagna che Strefezza apparsi già in buona forma. A sbloccare il risultato nel primo tempo è stato Valoti con un’incornata delle sue, inserendosi dalle retrovie sul cross di Strefezza mentre la seconda segnatura è stata opera di Petagna dagli undici metri nella ripresa.

Non hanno partecipato alla gara Paloschi, Schiattarella, Floccari, Berisha e Viviani tra acciacchi vari e logiche di mercato. Assenti ovviamente anche Fares e Gomis che hanno da poco terminato la Coppa d’Africa. Ora i biancoazzurri torneranno a Ferrara per qualche giorno per poi ripartire alla volta di Valles, per la seconda parte del ritiro.

Pordenone subito pericoloso con Misuraca che da fuori area non inquadra lo specchio della porta di poco, mentre la Spal vede in Kurtic il suo uomo più propositivo assieme a Petagna. Proprio l’ex Atalanta al 7′ impegna Bindi con un bel mancino al volo su cross di D’Alessandro costringendo il portiere alla respinta centrale. I neroverdi replicano cinque minuti dopo col mancino a lato di Gavazzi ed il cross di Ciurria che costringe Cionek ad una gran diagonale difensiva per anticipare Strizzolo in area.

La partita è piacevolissima ed al 15′ Spal ancora insidiosa grazie al break di D’Alessandro che permette a Petagna di presentarsi al limite ma il suo sinistro è disinnescato da Bindi. Il punteggio resta sullo zero a zero anche grazie a Demba autore di un bellissimo doppio intervento prima sulla botta di Ciurria da fuori e poi sul tap in tentato da Strizzolo. La partita viene finalmente sbloccata al 24′: Kurtic combina bene a sinistra con Strefezza, il quale pennella un pallone perfetto per la testa di Valoti che si inserisce coi tempi giusti e batte Bindi. I biancoazzurri amministrano bene il gioco, regolandosi soprattutto in fase di interdizione, dove Kurtic sale di tono ed alla mezz’ora verticalizza bene per Moncini.

L’attaccante mette poi l’accorrente Petagna tutto solo davanti a Bindi che è però bravissimo in spaccata a salvare la propria porta. Rispetto agli scorsi anni, la Spal sembra già più propensa ad attaccare con maggior equilibrio su entrambe le corsie esterne beneficiando del lavoro di ‘regista avanzato’ svolto con profitto da Petagna. A pochi minuti dal termine della prima frazione c’è ancora gloria per Thiam, che respinge il tiro di Gavazzi su assist di Ciurria.

Semplici opera i primi cambi ad inizio ripresa quando Jankovic e Murgia prendono il posto di Moncini e Valoti. Proprio il macedone va subito a segno ma in posizione irregolare ed al 51′ centra la traversa di testa, smarcato in maniera eccellente dal traversone di Kurtic.

Due minuti dopo è Kurtic da fuori a scaldare le mani a Di Gregorio che blocca in due tempi. All’ora di gioco, i due tecnici iniziano a mischiare le carte e c’è spazio in casa Spal anche per Valdifiori, Dickmann e Felipe. Nel frattempo è il solito Kurtic a battere un colpo al 65′ con un destro a giro che esce davvero di pochissimo, sfiorando il palo lontano.

I ritmi, come prevedibile, calano ed a dieci minuti dal termine la Spal raddoppia grazie al rigore di Petagna, atterrato in piena area poco prima di correggere in porta il cross di Strefezza. Non succede altro ed il triplice fischio sancisce la seconda vittoria spallina in altrettante amichevoli giocate.

Spal – Pordenone 2-0
Marcatori: Valoti 24′ (S), Petagna 80′ rig. (S)

Spal (3-5-2): Thiam; Cionek (dal 75′ Vaisanen), Vicari (dall’ 85′ Cannistrà), Igor (dal 64′ Felipe); D’Alessandro (dal 55′ Dickmann), Valoti (dal 45′ Murgia), Missiroli (dal 64′ Valdifiori), Kurtic (dal 68′ Mawuli), Strefezza (dall’83’ Farcas); Moncini (dal 45′ Jankovic), Petagna.
A disposizione: Meneghetti. Allenatore: Leonardo Semplici.

Pordenone: (4-3-1-2): Bindi (dal 45′ Di Gregorio); Semenzato (dall’ 82′ Nardini), Stefani, Barison (dal 55′ Bassoli), De Agostini; Misuraca (dal 70′ Florio), Mazzocco (dal 45′ Pobega), Bombagi; Gavazzi (dal 55′ Vogliacco); Strizzolo (dal 66′ Germinale), Ciurria (dal 55′ Magnaghi).
A disposizione: Facchinutti, Cotali, Santo.
Allenatore: Attilio Tesser

Arbitro: Daniel Amabile di Vicenza.
Assistenti: Lombardi – Lombardo.

Spettatori: 1000 circa.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi