Gio 11 Apr 2019 - 1235 visite
Stampa

Il programma di Modonesi parte dalle frazioni: “Scarpe comode per stare fra le persone”

Dall’ufficio mobile del comune a 12 nuove delegazioni. Presentato il primo atto del programma di centrosinistra

di Cecilia Gallotta 

“Scarpe comode per stare fra le persone”. È questo lo spirito con cui Aldo Modonesi presenta il primo atto del suo programma per la corsa alle elezioni del 26 maggio. E lo fa partendo dalle frazioni, che danno il nome a una delle tre liste – presentatelo scorso sabato – a sostegno del candidato di centrosinistra.

Dodici nuove delegazioni saranno il primo passo per “riportare l’amministrazione nei territori – afferma Modonesi con tanto di mappa in mano – dopo aver subito l’abolizione delle circoscrizioni del ministro ‘della semplificazione’ Calderoli del governo Berlusconi”.

Ma, attacchi a parte, in programma c’è l’istituzione della figura del delegato del sindaco, di una consulta, e un rafforzamento degli uffici amministrativi, il cui decentramento verrà ampliato.

Un’amministrazione ‘a due ruote’, insomma, nel vero senso della parola: non mancherà infatti l’ufficio mobile del comune, che con un mezzo elettrico, analogo a quello presentato nella giornata di martedì, girerà per i territori per erogare, un giorno a settimana a turni alterni, servizi di pubblica utilità.

Dalle prenotazioni al Cup al rinnovo patenti, “il primo martedì del mese saremo a Marrara, il secondo a Monestirolo, il terzo a Spinazzino, e il quarto a Gaibanella”, illustra il candidato.

Veniamo al tema della sicurezza. Ritorna il ‘vigile di quartiere’ nel programma di Modonesi, accanto a cento nuove telecamere da sistemare, oltre al centro, ogni venti gruppi nei quartieri e nelle frazioni.

Incentivi economici per le reti di comunità (dalle delegazioni alle pro loco, dai circoli alle attività imprenditoriali) e garanzia dei servizi e della cura delle aree verdi e del decoro.

Ma anche il tema dei trasporti è caro, soprattutto ai giovani, che il candidato Pd non vuole lasciare senza una piazza ‘wi-fi free’ in ogni frazione e quartiere. Più linee e bus urbani si aggiungeranno poi alle linee già estese a Cona e Boara: l’11 fino a San Martino, il 7 fino a Francolino, il 6 fino a Quartesana e zona Pmi. Chiesuol del Fosso, Boara, Fossanova Aguscello e altre frazioni saranno poi potenziale oggetto di collegamento con maggiori piste ciclabili. “Per riavvicinare il comune ai cittadini – conclude Modonesi – anziché pretendere che siano i cittadini a farlo”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi