lun 14 Mag 2018 - 1613 visite
Stampa

Anselmo sarà l’anti-Raggi

E Ilaria Cucchi ha già pronto lo slogan: "Dopo le buche della malagiustizia, riparerà anche quelle della nostra città"

di Cepparello da Prato

La proposta è sul tavolo, la sfida è aperta e la suggestione è tanta. Dopo aver ricevuto proposte dal Pd di Ferrara per candidarsi a sindaco della città estense nel 2019, e dopo aver gentilmente declinato, questa volta Fabio Anselmo potrebbe effettivamente pensare di mettersi a tracolla la fascia tricolore.

Ma non quella della sua città, bensì quella della Città Eterna. L’avvocato famoso per aver difeso le famiglie delle vittime di “malapolizia” come Cucchi e Aldrovandi, potrebbe accettare l’investitura che gli arriverebbe dall’area di centrosinitra. Pd, LeU e Mdp ammettono che quello di Anselmo è un nome che potrebbe mettere tutti d’accordo e soprattutto pescare consensi anche nell’area dell’elettorato grillino.

A chi ha fatto la proposta non sarà certamente sfuggito, infatti, che il penalista venne proposto idealmente da Beppe Grillo come componente del Consiglio Superiore della Magistratura. E anche le cause che ha perorato, che di recente gli sono valse il Premio Borsellino, trovano tantissimi sostegni trasversali.

La figura di Anselmo tra l’altro è stata proprio in questi giorni catapultata sulle cronache nazionale con l’uscita del suo libro “Federico” (per i tipi di Fandango Edizioni). Il libro racconta a mo’ di diario la storia di Aldrovandi, il diciottenne morto durante un controllo di polizia a Ferrara nel 2005, il caso principe da cui sono partite tutte le lunghe stagioni dei casi Cucchi, Uva, Ferulli, Bifolco.

Manca quindi sono il fatidico sì. E, ai citofoni di Estense.troll, Anselmo pare non sgradire per niente la prestigiosa offerta: “Di fare il sindaco a Ferrara effettivamente non me ne fregherebbe un cazzo, ma a Roma sarebbe un’altra cosa”. Per Ilaria Cucchi, compagna dell’avvocato, il sì è ormai scontato: “Non vedo l’ora di diventare la first lady der Colosseo!”.

E lo slogan elettorale è già pronto. E’ la stessa Ilaria ad averlo coniato: “Dopo le buche della malagiustizia, riparerà anche quelle della nostra città!”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi