mer 20 Giu 2012 - 260 visite
Stampa

Coniugi carabinieri in aula

Interrogato il marito che ha accusato la donna di averlo minacciato con la pistola

Altra udienza di escussione testi per il processo che vede l’uno di fronte all’altra, lei imputata e lui parte civile, due coniugi carabinieri. Il maresciallo Maria Concetta Rollo, in servizio in una stazione dei carabinieri di Ferrara, è accusata di minaccia aggravata per aver puntato contro al marito la pistola d’ordinanza.

Tra i due però le vie legali non si fermano qui. In un altro processo parallelo è il coniuge, Giuseppe Mussari, appuntato già di stanza a San Bartolomeo in Bosco e ora trasferito in Calabria, a essere imputato di tentata estorsione, violenza privata, minaccia aggravata e diffamazione.

Ieri il giudice Silvia Giorgi ha disposto una nuova perizia per esaminare le trascrizioni di alcune telefonate che riguardano l’episodio oggetto di contestazione, avvenuto nell’ottobre 2010.

Durante l’esame della parte civile, la difesa, sostenuta Erminia Imperio, ha cercato di collocare il giorno esatto della presunta minaccia. La memoria non ha aiutato il marito – assistito dall’avvocato Francesco Pagliuso, del Foro di Lamezia Terme -, anche se in definitiva la sera in cui sarebbe avvenuto il fatto è stato individuato nel giorno tra il 10 e l’11 ottobre o tra i, 13 e il 14. L’avvocato della difesa ha mostrato anche le fotografie dell’appartamento nel quale si sarebbe scatenato il tutto.
Udienza aggiornata al 26 luglio.

Stampa
  • strafier

    moglie,
    marito,
    in mezzo l’arma!

  • http://Stato Enzo

    Qualsiasi commento a questo articolo viene eliminato.
    Inutile farne.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi