Articoli di Marco Zavagli
Il disprezzo di Alan Fabbri

Il disprezzo di Alan Fabbri

Alan Fabbri non si è interessato di sapere chi fosse l’oggetto del suo disprezzo. Glielo diciamo noi. È una studentessa di 24 anni alla seconda laurea in materie umanistiche. Quando chiude i libri scrive per Estense.com, per una testata sportiva e fa ripetizioni agli alunni delle superiori. Le ultime estati le ha passate lavorando come animatrice nei centri estivi e come babysitter per mantenersi agli studi

Il limite della vergogna

Il limite della vergogna

Che cos’è la vergogna nella Ferrara del 2024? Direi quel sentimento che l’interesse politico o personale impedisce di provare prima dell’8 e 9 giugno. La nostra inchiesta sulle donazioni Covid ha ricevuto una risposta, più imbarazzante che imbarazzata

Scanzi a Ferrara: “Naomo è leggenda”

Scanzi a Ferrara: “Naomo è leggenda”

Promette un inizio “corposo e ciccioso” su Ferrara e si dice sicuro che “ci sarà da divertirsi”. Andrea Scanzi arriva a Ferrara e porta con sé “La Sciagura”. Il 16 maggio l’irriverente penna del Fatto Quotidiano sarà al Teatro Nuovo per presentare il suo nuovo spettacolo prodotto da Loft Produzioni e tratto dall’omonimo bestseller edito da Paper First

Grandi mostre. Lo smacco: Rovigo sorpassa Ferrara

Grandi mostre. Lo smacco: Rovigo sorpassa Ferrara

Arriva un’altra tegola per l’immagine perduta di Ferrara come città d’arte e di cultura. Rovigo l’ha superata in numeri per quanto riguarda uno dei fiori all’occhiello che fino a poco tempo fa la rendeva famosa e attrattiva in tutta Europa

Elezioni. Daniele Botti: “Vi spiego il civismo puro”

Elezioni. Daniele Botti: “Vi spiego il civismo puro”

Cos’è il civismo puro? È la volontà di rimanere sui temi della politica veri, quelli che la politica – che chiama la “partitica” – generalmente non porta avanti. Sono quei temi – magari noiosi, rompiscatole – che riguardano il sociale, la famiglia, l’economia

Edicole, un mondo che rischia di scomparire

Edicole, un mondo che rischia di scomparire

Una mostra fotografica e una tavola rotonda pubblica su un mondo che rischia di scomparire, quello delle edicole. Il tutto si terrà nella Biblioteca Bassani in via Grosoli 42, dove dallo scorso sabato 23 marzo è allestita la mostra di Ulrich Wienand dal titolo “Vado a prendere il giornale”