Gio 26 Mag 2022 - 1822 visite
Stampa

Diabete. Federica è la prima paziente in cura con la telemedicina

Prende il via l’attività di tele-visita per gli assistiti del Centro di Diabetologia di AuslFe

Lagosanto. Si chiama Federica Schiavoni, ha 37 anni e vive a Lagosanto la prima paziente che ha usufruito del servizio di tele-visita con il diabetologo e direttore del Centro di diabetologia di AuslFe Marcello Monesi.

Un esempio di telemedicina che nel Ferrarese, grazie all’impegno di AuslFerrara, è realtà per pazienti come Federica che è diabetica dall’età di 7 anni per un problema immunitario.

La tele-visita tenuta in queste ore, ha permesso alla paziente di sottoporsi all’esame dello specialista stando comodamente seduta a casa e senza doversi recare nel Centro di diabetologia di AuslFe che si trova nella Cittadella della salute di San Rocco a Ferrara.

Sono diabetica da molti anni e ora che c’è questa opportunità mi sento entusiasta perché sono sicura che la mia qualità della vita cambierà moltissimo ed in meglio” afferma la paziente dal suo studio.

Federica è fra quei pazienti a cui il centro ha applicato una nuova macchina per controllare l’andamento glicemico. Si tratta di un microinfusore (una specie di ipod da cui parte un microinfisore per iniettare l’insulina nel corpo) che 24 ore su 24 monitora e in modo del tutto automatico il bisogno di insulina del paziente.

Un apparecchio che funziona su Federica in base ad un’attenta e precisa programmazione fatta dagli specialisti di Diabetologia. Federica controlla il dispositivo attraverso una App che ha installato nel suo telefonino. “Le tele-visite sono anche per quelle che come me hanno deciso di adottare il microinfusore“ puntualizza e ancora dichiara: “Ritengo che sia una modalità di cura che spero tanto si diffonda il più possibile perché oltre ad essere comoda è anche tanto semplice da utilizzare”.

Il progetto di telemedicina attivato dall’Azienda Usl di Ferrara accelera nella sua applicazione e punta all’obiettivo di trasformare le prestazioni sanitarie in servizi al paziente sempre più personalizzati e vicini alle esigenze del paziente.

Federica Schiavoni

Le tele-visite diabetologiche di controllo sono inoltre in linea con il Pnrr e con il progetto “Azienda Sanitaria Digitale della provincia di Ferrara”.

E a questo proposito interviene la Direttrice generale di Ausl Ferrara Monica Calamai:
“L’effettuazione della prima video-visita diabetologica è il coronamento di un lavoro clinico e organizzativo che stiamo portando avanti da diversi mesi, per una medicina sempre più efficace e vicina al cittadino. Questa prima paziente, ad esempio, ha effettuato la visita direttamente da casa propria. Si tratta di progetti che rappresentano un punto di snodo importante anche per gli operatori: l’approccio basato sulla prossimità renderà più efficace e di soddisfazione il loro lavoro. Proprio per gli operatori stiamo realizzando anche una App per facilitare la gestione dei pazienti presso le Case della Salute/Comunità.
Cerchiamo di seguire quanto previsto
dal Pnrr e dal Piano Sociale e Sanitario della Regione Emilia Romagna, con azioni per una sanità sempre più equa, digitale e di qualità”.

L’utilizzo della tele-visita, che riguarda visite di controllo rivolte a pazienti la cui diagnosi è già stata formulata, presenta numerosi vantaggi. A partire dalla riduzione degli spostamenti se non necessari, specialmente per i pazienti più anziani e in difficoltà ma comunque avvezzi all’uso della tecnologia. Possono diventare inoltre uno strumento prezioso per non interrompere le cure in caso di pandemia, come è stato per il Covid.

La paziente Federica ha potuto effettuare la tele-visita grazie anche all’impegno del direttore dell’unità operativa di Diabetologia Territoriale, Marcello Monesi, che ha colto subito lo stimolo offerto dalla Direzione aziendale nell’implementare la telemedicina in alcuni ambiti sanitari.

Il giudizio è molto positivo su questa modalità di contatto con il paziente che disegna uno scenario nuovo nell’assistenza delle persone con diabete – dichiara Monesi –. Le possibilità sono molteplici: eravamo abituati già da tempo a interagire a distanza con contatto telefonico, dettato anche dalla necessità dell’emergenza coronavirus, ma questa nuova modalità, che prevede anche il contatto visivo e la condivisione dello schermo per la visione della cartella clinica, è un valore aggiunto molto importante”.

Questo sistema ci permetterà di interagire con i pazienti giovani, portatori di tecnologie avanzate, ma soprattutto con le persone fragili che abitano in zone periferiche oppure con donne durante la gravidanza – sottolinea il direttore della Diabetologia –. La visita in presenza è insostituibile, ma nel panorama delle possibilità assistenziali la video-visita è uno strumento aggiuntivo che svilupperemo con molta attenzione, ascoltando anche le aspettative dei pazienti, con l’obiettivo di migliorare in maniera sensibile ed equa la qualità della nostra assistenza”.

Ma come funziona il percorso? Nel corso di una visita in presenza, il medico valuta la possibilità che il paziente effettui la successiva visita di controllo in video-visita. L’anamnesi deve ricomprendere anche il “profilo tecnologico” del paziente, ovvero la sua conoscenza e capacità d’uso degli strumenti informatici (smartphone, tablet o computer con webcam da poter usare autonomamente o con l’aiuto di un familiare o caregiver tramite una rete internet adeguata).

È necessaria la richiesta di adesione preventiva del paziente: dopo aver ricevuto tutte le informazioni, infatti, il paziente può scegliere se accettare o meno questa modalità erogativa. In caso non aderisca, la prestazione sarà eseguita in presenza; in caso di accettazione, riceverà automaticamente una email con il link del collegamento e tutte le indicazioni necessarie per accedere alla ‘stanza virtuale’ dedicata che mette in contatto audio/video medico e paziente.

La video-visita avviene in maniera sicura ‘da remoto’ tramite il sistema informatico regionale di video-visita, collegato anche al Fascicolo Sanitario Elettronico per la visione dei documenti necessari alla valutazione del paziente e per la successiva refertazione. Per il supporto tecnico è disponibile il numero verde regionale 800033033.

Presto questa opportunità verrà inoltre sviluppata anche per le video-visite cardiologiche. Da giugno, inoltre, la video-visita di controllo diabetologica sarà attiva anche per la Casa Circondariale di Ferrara.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa