Sab 23 Mag 2020 - 76 visite
Stampa

Il conservatorio riapre a metà

Possibilità di accesso agli allievi, ma solo per lo studio individuale di alcuni strumenti di difficile reperibilità, come organo e percussioni

Riprendono, seppur ancora limitatamente, le attività del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. Da martedì 19 maggio scorso, infatti, la decisione di riaprire alcune aule dell’istituto di alta formazione musicale ferrarese, per venire incontro a tutti quegli allievi che, nel loro percorso di studi, abbiano bisogno di studiare con strumentazioni di difficoltoso spostamento, come l’organo, il clavicembalo, il pianoforte e le percussioni.

Ogni aula utilizzata viene regolarmente sanificata, per annullare la carica virale negli ambienti secondo quanto richiesto dalle disposizioni per il contrasto alla diffusione del coronavirus.

I suoni della musica ritornano a riempire il Conservatorio. Per ora, salvo nuove disposizioni nelle prossime settimane, si tratta solo di una parte marginale delle tante attività che prima si svolgevano in sede. Per la maggior parte delle attività accademiche, infatti, lo studio prosegue attraverso la didattica a distanza.

L’apertura di alcune aule è solo per lo studio individuale, e rimarrà in vigore dal 19 maggio al 6 giugno, salvo diverse indicazioni da parte delle autorità competenti, nella prospettiva di ripresa progressiva delle attività del Conservatorio concordate con la presidenza, la direzione, la direzione amministrativa, le Rsu.

In particolare, possono accedere ai locali del Conservatorio per motivi di studio individuale gli studenti maggiorenni iscritti alle classi di batteria jazz (muniti di proprio set di piatti e bacchette), clavicembalo, organo, percussioni (muniti di proprie bacchette), pianoforte. L’accesso è consentito dall’ingresso di largo Antonioni solo se muniti di mascherina e guanti, mentre l’uscita è dal cortile posteriore.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi