Dom 17 Nov 2019 - 1532 visite
Stampa

“Un sogno chiamato Pepita” per regalare sorrisi ai bambini ricoverati

L'eredità del clown a sostegno del reparto di Oncoematologia pediatrica. Secondo spettacolo in scena il 21 novembre al Comunale

di Matteo Malacarne

Insieme per un sogno chiamato Pepita“. C’è tutta l’emozione del ricordo di Franco Borghetti, l’amato clown Pepita che regalava sorrisi ai tanti bambini ricoverati all’ospedale di Cona, nello spettacolo in suo onore che andrà in scena giovedì 21 novembre alle 20 presso il teatro Comunale Claudio Abbado.

Grazie alla numerosa partecipazione registrata durante la prima edizione dello scorso anno, sono stati raccolti i fondi necessari per finanziare il progetto “Arte e terapia” nel reparto di Oncoematologia pediatrica. Un regalo ai piccoli pazienti che riempirebbe di orgoglio lo stesso Borghetti.

“Pepita ci ha lasciato in eredità un compito non semplice dato che per tutta la sua vita ha regalato momenti di felicità e spensieratezza a molti bambini e alle rispettive famiglie” raccontano le due maestre ideatrici e organizzatrici, Paola Silvagni e Paola Tagliani, che hanno “sentito il bisogno di aiutare tanti bimbi che purtroppo si ammalano” e che, in quanto insegnanti, vedono coi loro occhi “quanti alunni devono abbandonare la scuola per motivi di salute”.

Una testimonianza condivisa dalla responsabile del reparto di Oncoematologia pediatrica, la dottoressa Roberta Burnelli: “Grazie a questa manifestazione si può continuare a dare vita al progetto di arte e terapia che ha aiutato dal punto di vista ludico e psicologico numerosi pazienti”.

Un’eredità raccolta anche dall’associazione Ail che organizza percorsi artistici per bambini e Circi che si occupa di progettare percorsi ludici. Inoltre, è nata una grande collaborazione con la Fondazione scuola di musica e l’istituto Vergani, nella figura del suo preside Massimiliano Urbinati.

Sia il dirigente scolastico che la portavoce di Circi Maria Bovinelli si dicono “entusiasti per questa grande opportunità che dovrebbe essere ampliata, la numerosa partecipazione ci fa grande piacere e speriamo che un numero sempre più alto di spettatori riusciranno a contribuire. Il nostro progetto è quello di ampliare questo evento magari creano nuove date”.

Il concerto vedrà la partecipazione di numerosi artisti di fama nazionale che hanno subito accettato gratuitamente per contribuire alla causa della beneficenza. Sul palco del teatro Comunale saranno presente anche gli allievi che avranno la grande opportunità di suonare su un palco così prestigioso.

L’appuntamento è quindi per giovedì 21 novembre, i biglietti sono acquistabili in prevendita e anche il giorno stesso del concerto presso le biglietterie del teatro Comunale. Per informazioni e prenotazioni contattare paola.silvagni@alighierife.istruzioneer.it e paola.tagliani@alighierife.istruzioneer.it o il numero 349 6316585.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi