Mar 15 Ott 2019 - 1644 visite
Stampa

Nuova aggressione in carcere, la situazione non migliora

Un detenuto si è scagliato contro un sovrintendente della polizia penitenziara. Il Sappe: "Siamo vicini al collasso"

Il carcere di via Arginone

Un altro episodio, l’ennesimo, con  un agente di polizia penitenziaria aggredito da un detenuto nel carcere di Ferrara. Lo stesso detenuto che, come riferiscono dal sindacato Sappe e dall’Osapp, la settimana scorsa aveva aggredito un ispettore e un assistente capo.

Questa volta a farne le spese è stato un sovrintendente della polizia penitenziaria in servizio in via Arginone, che non dovrebbe aver subìto particolari conseguenze.

Il fatto è avvenuto lunedì 14 ottobre: “Un detenuto italiano – riferisce Claudio Caruso, vicesegretario del sindacato Osapp –  ha colpito al volto un appartenente al Corpo di Polizia penitenziaria. Pare che il malcapitato sovrintendente abbia ricevuto un pugno ed un colpo con un corpo contundente, dovendo ricorrere alle cure del pronto soccorso di Cona”.

“Si tratta di un caso clinico? – chiede Caruso – Allora non può stare in carcere perché in carcere si dovrebbe fare rieducazione. Un caso psichiatrico, come appare essere il detenuto citato, dovrebbe essere curato in strutture apposite. Perché non si attiva un protocollo che possa dare indicazioni alla Polizia Penitenziaria su come evitare di tornare a casa passando dall’ospedale? A quando l’adozione di un protocollo sanitario che avvii il trattamento sanitario obbligatorio per tali individui destabilizzati e destabilizzanti? Non ci fa piacere apparire sui giornali, ma nel silenzio delle direttive chi ci rimette è sempre la Polizia penitenziaria”.

“Sarebbe opportuno – è l’appello di Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Francesso Campobasso, segretario nazionale – anche in ossequio alle disposizioni ministeriali, che lo stesso detenuto venisse trasferito dal carcere di Ferrara ad altra struttura. Come già denunciato nel corso della recente conferenza stampa la situazione a Ferrara è davvero al collasso a causa delle continue aggressioni al personale. Una situazione che rischia evidentemente di diventare esplosiva”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi