mer 30 Mag 2018 - 1822 visite
Stampa
Questo articolo fa parte di Estense.troll, la rubrica satirica di Estense.com.

Nomadi al Palasport, Naomo inneggia alle ruspe

Il gruppo si difende: “Come potete giudicar?”. Ma il segretario della Lega: “Prima gli italiani”

di Cepparello da Prato

Nomadi al Palasport, è bufera. È bastato vedere affisso il manifesto sul muro di una casa Acer che Nicola “Naomo” Lodi è andato su tutte le furie e, cellulare alla mano, è partito per una delle sue proverbiali invettive in diretta facebook.

“È ora di finirla con la politica di questa amministrazione buonista! Servono le ruspe!” grida in un riflesso pavloviano il segretario comunale della Lega, che parla di “invasione Rom”: “non lamentiamoci poi del fenomeno dell’accattonaggio in centro storico ”.

Lodi sostiene di aver verificato di persona l’intenzione del gruppo musicale, che vorrebbe fermarsi nel Palasport il prossimo 10 novembre, “chiedendo agli stessi informazioni sulla loro attività e logistica: si tratta di un gruppo di 6 persone, che gira tutto l’anno per l’Italia. Si muovono su camion e roulotte”.

Ce n’è abbastanza insomma per chiedere “che le autorità si attivino nell’allontanamento di tali persone prima delle ferie natalizie, quando la città riceverà comitive di turisti. Non è quella l’immagine che Ferrara deve offrire”.

Intanto arriva flebile la voce di risposta dei Nomadi, che accennano a un timido “Come potete giudicar? come potete condannar? chi vi credete che noi siam?”. Ma Naomo è sordo a ogni giustificazione: “io non ce l’ho con nessuno, ma prima vengono gli italiani!”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi