Gio 17 Mag 2018 - 770 visite
Stampa

Quattro anni e mezzo per la brutale rapina al compro oro

Patteggiano i due fratelli: picchiarono il titolare rompendogli una gamba e fuggirono con 50mila euro

Quattro anni e mezzo in patteggiamento per aver rapinato, sequestrato e percosso il titolare del compro-oro Aurum di corso Porta Mare il 28 gennaio del 2017.

Il giudice Silvia Marini ha accolto la richiesta dei difensori degli imputati, gli avvocati Giovanni Sorgato e Massimo Bissi, e si è riservata sulla richiesta di una misura detentiva più tenue: l’istanza della difesa chiede infatti di modificare la detenzione in carcere in detenzione ai domiciliari, anche con braccialetto elettronico.

Alla sbarra erano due fratelli per parte di madre: Joseph Demailov, 22 anni, e Bajram Kutisov, 28 anni, entrambi cittadini italiani, appartenenti a una famiglia nomade di etnia Rom residente nel territorio di Jolanda di Savoia. Entrambi vennero riconosciuti in fotografia dalla vittima (che è stata successivamente risarcita dagli imputati).

Gli inquirenti accertarono inoltre la loro presenza in corso Porta Mare al momento del colpo tramite l’analisi delle celle telefoniche attivate.

Quella mattina, erano le 11,30 circa di sabato 28 gennaio, i due giovani entrarono a volto scoperto nel negozio di compravendita di metalli preziosi, con il pretesto di mostrare un quadro al titolare (un uomo di 73 anni), appassionato d’arte. I due sono riusciti in qualche modo a fare uscire l’anziano esercente dal box a lui riservato – luogo separato, per ragioni di sicurezza, da quello a cui accedono i clienti – per poi immobilizzarlo ed entrare nell’area di sicurezza del negozio.

Uno dei due fratelli aveva quindi afferrato la vittima per il collo e l’aveva gettata a terra all’interno del box. Qui entrambi presero a calci e pugni il 73enne, fino a provocargli la frattura della tibia sinistra. Il malcapitato venne poi immobilizzato con del nastro adesivo, che gli copriva anche la bocca, impedendogli così di chiedere aiuto.

Uno dei due rapinatori aveva aperto la cassaforte, che era socchiusa, appropriandosi del contenuto (denaro, 1,3 kg di preziosi in oro e quasi 3 kg d’argento). Prima di allontanarsi i due avevano anche sottratto il denaro contante che l’anziano titolare del compro oro aveva nel portafogli e il telefono cellulare dello stesso. Un bottino complessivo dal valore di circa 50mila euro.

Con loro, durante l’operazione “Aurum” condotta dai carabinieri della compagnia di Ferrara, vennero arrestate altre tre persone per ricettazione: il padre, un ferrarese e un palermitano.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi