Gio 26 Mag 2022 - 1319 visite
Stampa

Polizia locale armata, il Comune farà appello contro la condanna per discriminazione

Formalizzata dalla Giunta l'autorizzazione a impugnare l'ordinanza del tribunale di Ferrara. Sarà l'avvocato Lovison ad assistere l'amministrazione

La Giunta comunale ha autorizzato il sindaco Alan Fabbri ad appellare l’ordinanza con la quale il giudice del lavoro di Ferrara ha condannato il Comune per aver discriminato il poliziotto municipale obiettore di coscienza.

Con apposita delibera, la giunta ha anche individuato il legale che assisterà l’Amministrazione comunale in corte d’appello: si tratta dell’avvocato Denis Lovison – “in relazione alla sua competenza in materia di normativa ed organizzazione dei Corpi di Polizia e assimilabili” – per il quale è stato approvato un compenso di poco meno di 18mila euro.

Per l’Amministrazione Fabbri, l’ordinanza del tribunale estense – che dipone anche la rimozione della discriminazione esistente e il risarcimento del danno al suo dipendente – “appare errata ed ingiusta sotto diversi profili di fatto e di diritto”.

In sintesi, la giudice Alessandra De Curtis aveva accertato e dichiarato il carattere discriminatorio della condotta del Comune di Ferrara consistente nel “mancato riconoscimento alle agenti di P.S appartenenti al Corpo di Polizia Locale ‘Terre Estensi’, assunte in epoca (anteriore al 2010) in cui l’obiezione di coscienza non costituiva requisito essenziale per l’accesso al Corpo, del diritto di esprimere l’obiezione di coscienza al porto e all’uso delle armi” e nell’”ordine di servizio n. 6/21 del 18.2.2021 con cui l’agente obiettore di coscienza è stato rimosso dalle presenti mansioni in servizio esterno”, proprio in ragione della sua obiezione, con perdita economica dovuta al mancato riconoscimento di varie indennità riconosciute per il servizio esterno.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa