Gio 9 Dic 2021 - 878 visite
Stampa

‘Senz’ad ti’, una commovente poesia di Alessandro Corazza

“SENZ’AD TI” (Senza di te). Una bellissima, commovente, intensa poesia, in ferrarese, di un grande esponente della poetica locale: Alessandro Corazza. Nato a Portomaggiore (Fe) nel 1932, laureato in Pedagogia all’Università di Padova, insegnante. Socialmente impegnato nel volontariato. Studioso e appassionato delle tradizioni e del territorio ferrarese. Raccolse sue opere, quasi tutte premiate in concorsi letterari, non solo locali, nel il libro :“Sbarlùm dlà mént”. Pubblicò pure rime ironiche col volumetto : “Palio in maschera” del 1994

Fra i diversi riconoscimenti, uno dei più prestigiosi I° Premio al XXXI° Concorso di poesia dialettale “LINDO GUERNIERI”, con questa stupenda poesia che vi propongo: “SENZ’AD TI”. Breve, drammatica lirica in vernacolo dove il poeta, in modo sintetizzato, racconta la tristezza che si instaura lentamente in una persona che ha perso chi, per anni, accompagnava la propria esistenza.

Ringrazio l’amico mio e di Alessandro Corazza: Edoardo Gnudi, poeta e pure lui di Portomaggiore, per avermi fornito la foto e le note biografiche di Alessandro.

Alessandro Corazza

SEȠZ’AD TI

(Di Alessandro Corazza).

Cum l’è fréd al lèt… stasìra…!

Senz’ad ti…!

Al lanzòl al śblìśga piàƞ, pianìƞ

sóta al barbùz

sénza séntìr titàr.

Epùr a n’am màƞca gnént:

al piumìƞ, al piumóƞ, al cusìƞ…

A n’as sént i tò pas.

A n’as sént gnànch uƞ śgnichìn

gnànch uƞ scirlìƞ

dill pòrt dl’armàri,

di casìt dal cumò.

Gnént…! L’è silénzi …!

Com l’è fréd al lèt stamatìna.

A manca…a manca…

al to respir, vultà in galóƞ,

cal calursìƞ…

ch’at scalda càraƞ e òs

fiƞ int l’imbròla,

e… ch’al t’da al fià…

necesàri a far gnir sìra!

 

SENZA DI TE Com’è freddo il letto… stasera…!/ Senza di te. / Il lenzuolo scivola via pian, pianino / sotto il mento / senza sentir tirare ./ Eppure non mi manca niente: / il piumino, il piumone, il cuscino …/ Non si sentono i tuoi passi. / Non si sente neanche uno scricchiolio, / neanche un piccolo cigolio / delle porte dell’armadio, /dei cassetti del comò. / Niente…! / È silenzio / Com’è freddo il letto stamattina. / Manca …manca…/ il tuo respiro, girata in fianco, / quel calduccio… / che ti riscalda carne e ossa / fino al midollo, / e che ti dà il coraggio… / necessario ad arrivare a sera.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa