Ven 25 Set 2020 - 509 visite
Stampa

In tempo di crisi Berco

In tempo di crisi Berco (e sono alla quarta) diciamo che potremmo accendere un braciere tipo fiamma olimpica e ogni 4 anni aspettare i teodofori.

Vedo purtroppo tante dinamiche che si ripetono.

Vedo colleghi che sbagliano…

Vedo colleghi che si avvicinano e ammiccano senza motivo ai propri capi reparto o ai propri capi area, come mai avrebbero fatto in tempi normali, pensando di trarne qualche beneficio.

Vedo colleghi che so non essere presenti ai vari presidi che andremo a fare.

Vedo colleghi che siedono in qualche consiglio Comunale essere tanto, troppo vicini all’azienda, forse pensando di diventare intoccabili.

Vedo e mi arrabbio un po’ anche con il sindacato perché glie l’avevamo detto che sarebbe andata a finire in questo modo.

Ed infine vedo un sindaco che fino a ieri diceva che andava quasi tutto bene.

Per fortuna non vedo solo brutte cose: i colleghi davanti ai cancelli per capire in prima persona quello che sta accadendo sono una buona cosa, le domande fatte ad altri che non capiscono la situazione, far capire ad alcuni ingegneri di buona volontà e di grandissima voglia di fare, che il prodotto Berco esce con il sudore, con le mani sporche e a volte anche con il sangue di tutti noi, penso non sia una cosa negativa.

Poi sento dire da “Radio Berco” che sono già d’accordo anche stavolta, che faremo un paio di scioperi e andrà tutto come loro hanno deciso che vada.

Io nel mio piccolo cerco di ragionare con la mia testa, so benissimo che Berco andava ristrutturata e non so se questo management farà un buon lavoro, ma ovviamente lo spero: di sicuro so che non si possono cancellare anni di conquiste in modo così arbitrario.

Come si suol dire “i nodi vengono al pettine”, non poteva che essere così…

Quello che posso dire è che l’atteggiamento dell’Amministratore Delegato, una sorta di silenzio assenso, mi preoccupa; mi preoccupa perché proprio in una azienda come la Berco i ruoli sono importanti e io vorrei che intervenisse e dicesse quello che pensa realmente sulla situazione Berco.

Aspetto. Aspettiamo…

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi