Mer 15 Lug 2020 - 3442 visite
Stampa

Blitz all’ex distilleria, trovata droga e irregolari. Il questore: “Ripristinare recinzioni e disboscare”

Sopralluogo della Polizia con la proprietà negli stabili abbandonati. Trovate e identificate 97 persone, 4 le espulsioni, 2 le denunce e 3 i permessi di soggiorno revocati

E’ in via Scalambra e negli stabili abbandonati dell’ex distilleria di via Luigi Turchi che, come recentemente affermato anche dal questore Capocasa, sembra essersi spostata buona parte dello spaccio che era ‘prerogativa’ quasi esclusiva della zona Gad. Non solo spacciatori, ma anche persone senza fissa dimora e immigrati irregolari che qui trovano un rifugio.

Ed è allora presso l’ex distilleria che gli uomini della Questura si sono portati in mattinata per effettuare un sopralluogo assieme ai proprietari dell’area, con lo scopo di verificare lo stato dei luoghi e valutare un intervento di riqualificazione urbana, principalmente per ragioni di ordine e sicurezza pubblica.

Un ‘blitz’ che ha permesso alla Polizia di identificare ben 97 persone, ma soprattutto di sequestrare circa 100 grammi di hashish rinvenuti nella sterpaglia in via Scalambra. Fra le persone identificate, inoltre, sono state riscontrate diversi stranieri irregolari, tante che per quattro di loro è scattata l’espulsione e il relativo ordine a lasciare il territorio nazionale enrto 7 giorni: si tratta di altrettanti cittadini extracomunitari di cui due di nazionalità marocchina (un uomo di 32 anni e uno di 40) e due di nazionalità nigeriana (un uomo di 25 anni e uno di 37).

Altre due persone sono state denunciate per inottemperanza al foglio di via obbligatorio, mentre ad altre tre è stato revocato il permesso di soggiorno per mancanza dei requisiti di permanenza nel territorio italiano (un cittadino marocchino e due tunisini).

Il questore di Ferrara, Cesare Capocasa, ha evidenziato la necessità inderogabile di procedere al ripristino delle recinzioni perimetrali dell’area, per evitare che persone senza fissa dimora, clandestini e spacciatori si introducano nell’area divenendo ‘di fatto’ incontrollabili, suggerendo anche il disboscamento per rendere sorvegliabile l’intera zona.

GUARDA IL VIDEO SU ESTENSETV

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi