Lun 2 Dic 2019 - 5508 visite
Stampa

Ubriaco sferra un pugno e rompe il naso a un carabiniere

Sdraiato in mezzo alla strada, aggredisce i militari: arrestato e rilasciato dopo il ricovero per intossicazione alcolica

Copparo. Ubriaco collassa in mezzo alla strada, per aiutarlo intervengono i carabinieri ma uno di questi si prende un pugno in pieno volto. L’intervento dell’Arma si è concluso all’ospedale di Cona, dove l’aggressore è stato ricoverato per un’intossicazione alcolica e il militare è stato medicato al naso rotto.

Una notte non facile per il Nucleo Operativo e Radiomobile di Copparo che, verso le 3.30 in viale Ricci, ha trovato un uomo in forte stato di alterazione psicofisica, sdraiato sulla sede stradale, creando così un grave pericolo per la propria incolumità e per quella delle persone che si fossero trovate a transitare su quella strada.

All’invito di spostarsi da parte dei militari operanti, l’uomo – identificato in P.A., nato a Ferrara nel 1975 ma residente a Copparo, già noto alle forze dell’ordine – li ha strattonati e minacciati, per poi sferrare un pugno al volto ad uno dei due carabinieri intervenuti. Il 44enne è stato immediatamente tratto in arresto per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e di lesioni personali aggravate.

Il militare ferito, visitato dal personale del 118, ha riportato un trauma nasale a seguito del pugno al volto, guaribile in pochi giorni, mentre l’arrestato, trasportato al Sant’Anna, è stato riscontrato affetto da una intossicazione alcolica acuta e trattenuto all’ospedale in stato di ricovero.

L’arrestato, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato rimesso in libertà ai sensi dell’articolo 121 delle norme di attuazione del codice di procedura penale.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi