Mer 11 Set 2019 - 1708 visite
Stampa

Il 18 settembre grande mobilitazione degli agricoltori

Agrinsieme organizza una manifestazione per chiedere interventi urgenti a sostegno delle aziende agricole gravemente colpite dalla crisi

Una grande mobilitazione che coinvolgerà i frutticoltori e tutti i produttori agricoli per sollecitare interventi urgenti a sostegno delle aziende agricole, fortemente in crisi a causa della presenza della cimice asiatica e di altri problemi fitosanitari, che hanno messo in ginocchio l’agricoltura ferrarese.

Un settore già in grande difficoltà per la mancata valorizzazione dei prodotti sul mercato e prezzi che in molti casi non coprono i costi di produzione. Lo annuncia Agrinsieme Ferrara, il coordinamento che riunisce Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentare.

“Una mobilitazione – sottolinea il coordinatore provinciale Stefano Calderoni – che si terrà contemporaneamente nelle province principali produttrici di frutta dell’Emilia Romagna, il prossimo 18 settembre, e che a Ferrara arriverà davanti alla sede della Prefettura. Ribadiremo al prefetto, il massimo rappresentante del Governo sul nostro territorio, la necessità di mettere in campo tutte le risorse necessarie per sostenere un comparto che rischia di morire a causa dei danni provocati dalla cimice asiatica e da altri patogeni, in particolare la maculatura bruna del pero, che stanno colpendo i prodotti d’eccellenza delle nostre campagne. Chiederemo, inoltre, che vengano forniti gli strumenti di difesa immediati e necessari per contrastarli, promuovendo anche la ricerca scientifica”.

“Nei giorni scorsi – continua il coordinatore di Agrinsieme Ferrara – abbiamo chiesto a sindaci, parlamentari, consiglieri regionali ferraresi e ai rappresentanti sindacali, di condividere un nostro documento nel quale viene rappresentata la terribile situazione in cui versa la frutticoltura ferrarese e le misure necessarie per evitare che le aziende agricole chiudano, con conseguenze devastanti per tutto l’indotto produttivo e occupazionale. Tutti i sindaci contattati hanno aderito a questa nostra iniziativa e il documento in oggetto verrà posto nelle mani del prefetto di Ferrara. Venerdì prossimo noi rappresentanti di Agrinsieme avremo un confronto con i rappresentanti sindacali, un passo più che mai necessario – conclude Stefano Calderoni – visto che sono a rischio numerosissimi posti di lavoro”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi