Sab 10 Ago 2019 - 629 visite
Stampa

Il grido d’allarme di Confartigianato: “Il credito per gli artigiani ferraresi è ai minimi storici”

Il vicepresidente Cirelli: “In 7 anni diminuzione secca del 49% e sullo sconto in fattura dei vantaggi dell'ecobonus raggiungiamo il paradosso”

Paolo Cirelli

“Lo stock di credito disponibile per gli artigiani è ai minimi storici”. È il grido d’allarme lanciato da Paolo Cirelli, vicesegretario di Confartigianato Ferrara, che chiede aiuto alla politica, sia nazionale che locale.

Visti i tempi, diventerà con tutta probabilità argomento di campagna elettorale sia per le regionali che per le politiche. Ma il tema rimane se è vero che “l’analisi dell’ufficio studi di Confartigianato su dati Banca d’Italia e Artigiancassa, per Ferrara evidenzia che a dicembre 2018 lo stock di credito disponibile per gli artigiani è ai minimi storici (196 milioni complessivamente) con una diminuzione secca in 7 anni del 49%, se consideriamo che nel dicembre 2011 era di 386 milioni. Lo studio territoriale sull’anno precedente, manifesta per la nostra provincia una diminuzione più accentuata (11,1%) rispetto alla media nazionale, rientrando fra le 58 province con i la diminuzione più intensa rispetto alla media”.

Insomma, gli artigiani ferraresi hanno grosse difficoltà nell’accesso a strumenti di sostegno imprenditoriale, nonostante “spesso nei pubblici consessi, artigiani e piccole imprese, vengono apprezzati per la propria capacità di adattarsi ai mercati, assumere personale creando lavoro e ricchezza, rischiando ed investendo risorse proprie per l’acquisizione di beni strumentali, tecnologie, macchine ed attrezzature”.

“Nei fatti però – osserva Cirelli -, si pretende lo facciano senza il necessario credito, che rimane spesso ad appannaggio di altre realtà dimensionali. Registriamo infatti una maggiore selettività nel concedere il credito alle imprese di minori dimensione: per le piccole crescono solo quelle considerate a basso rischio, mentre i prestiti alle grandi imprese, risultano sempre in crescita anche per quelle ad alto rischio (+1,9%)”.

Per il vicepresidente di Confartigianato si tratta di “una vera e propria sperequazione”, perché “i prestiti alle sole società non finanziarie continuano precipitosamente a scendere, con i cali più evidenti per le attività immobiliari e delle costruzioni, raggiungendo il paradosso che in una situazione di difficoltà creditizia e finanziaria di questo comparto, si chieda agli artigiani di riconoscere come sconto in fattura, i vantaggi degli ecobonus. Un evidente contraddizione”.

“Neppure sul versante del costo del denaro si può essere soddisfatti – osserva ancora Cirelli – perché, se ovviamente diminuito, rimane piuttosto elevato tenuto conto che oggi l’euribor (cioè il tasso di riferimento delle transazioni finanziarie) è addirittura negativo con un -0,3%. I tassi effettivi del credito, rimangono molto elevati e a Ferrara per il credito d’esercizio siamo su una media del 3,82%”.

Ecco allora che Confartigianato chiede un aiuto alle istituzioni, affinché la falla venga tappata: “Da tempo, oltreché rapportarci con le banche, chiediamo alla politica ed alle istituzioni la creazione di un istituto pubblico che possa garantire artigiani e piccoli imprenditori, come avviene in Germania, Francia e Inghilterra e come avveniva in passato con l’Artigiancassa. Altre strade non ne vediamo. Facciamo appello ai parlamentari ferraresi, ai consiglieri regionali e tutti i sindaci, affinché questo tema diventi prioritario per lo sviluppo dei territori e delle comunità”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi