Mar 14 Mag 2019 - 813 visite
Stampa

Il Revisore boccia ancora Bilancio e Dup, il Consiglio salta all’ultimo minuto

Approvazioni ancora rinviate, nuovo stop ai documenti di programmazione, "forte la preoccupazione" tra documenti non trasmessi e azioni non in linea con quanto previsto dal Piano di riequilibrio

di Giuseppe Malatesta

Jolanda. “A distanza di mesi, nonostante le piccole dimensioni dell’Ente e le nuove figure subentrate presso il servizio finanziario, la gestione presenta ancora gravi criticità che si riflettono inevitabilmente sulla delicatissima situazione finanziaria dell’Ente stesso”. Ancora un’ammonizione dal Revisore dei conti per il Comune di Jolanda di Savoia, che si vede nuovamente bocciato Dup e il bilancio di previsione 2019/2021, difatti non ancora approvati.

Dopo il parere negativo espresso il 26 aprile scorso ai due documenti di programmazione e tre giorni dopo all’emendamento presentato dagli uffici, in un nuovo verbale infatti si evidenzia “una forte preoccupazione sull’andamento generale dell’Ente e sui ritardi nell’attuazione di quanto previsto dal Piano di riequilibrio”, imposto dalla situazione di predissesto.

“A differenza delle valutazioni effettuate dal responsabile finanziario, l’Organo di revisione ritiene che le previsioni formulate a suo tempo nel Prfp risultano attendibili solo se sono attuate le azioni in esso previste, ma ad oggi tali azioni risultano attuate solo parzialmente e pertanto il problema non risiede nel Piano, piuttosto nei ritardi accertati nell’attuazione delle azioni in esso previste” scrive il revisore Grazia Zeppa.

In ballo c’è la possibilità di compromettere gli equilibri di bilancio nel rispetto di quanto previsto dalla legge, nello specifico sulla previsione dei proventi da sanzioni del codice della strada (che non risulta congrua con l’attuale situazione del servizio di Polizia Municipale) e la mancata formalizzazione, nelle forme previste dalla legge, della cessazione al 31 dicembre 2018 del servizio asilo nido e scuola dell’infanzia (il rischio è di generare in futuro importanti debiti fuori bilancio).

Per questo il revisore ritiene che “il Bilancio di Previsione 2019/2021 debba assolutamente tenere conto della situazione attuale dell’Ente, ovvero dei ritardi, ormai accertati, nell’attuazione delle azioni previste nel Piano di riequilibrio che comportano maggiori costi non previsti e minori entrate”.

“La grave situazione finanziaria dell’Ente – conclude Zeppa – richiede attente e puntuali valutazioni finanziarie: ad oggi, purtroppo, permangono le criticità già rilevate nel parere precedente, perciò si ritiene di confermare il parere non favorevole già espresso. Inoltre non risulta pervenuta la documentazione necessaria poter accertare varie criticità relative ai residue al 31 dicembre 2018 e alla cassa trimestrale al 31 marzo 2019”.

In tutto ciò – da quello che risulta a Estense.com – il consiglio comunale che avrebbe dovuto in seduta ordinaria, tra le altre cose, approvare il bilancio in questione è stato rinviato pochi minuti prima delle 21.30. Considerata la scadenza del mandato dell’attuale amministrazione comunale (il 26 maggio), e i tempi di convocazione previsti dallo statuto (minimo 5 giorni prima per la seduta ordinaria e tre per la straordinaria), probabilmente l’approvazione non arriverà prima del ‘cambio della guardia’. Da ricordare che il parere del Revisore è in questo caso non vincolante, motivo per cui la maggioranza potrebbe comunque approvare il documento motivando la scelta.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi