dom 9 Set 2018 - 1193 visite
Stampa

Azzerati, scontro a tutto campo tra Lega e Pd

Il leghista: "Marattin è ridicolo che faccia il paladino dopo il disastro creato dal suo partito". I 'dem': "Noi volevamo aumentare il Fondo"

Non si fa attendere la risposta della Lega alle parole di Luigi Marattin, che aveva raccolto le parole di sconforto degli Azzerati sulla questione dei rimborsi con una nota di finta sorpresa.

Al parlamentare del Pd oggi replica piccato il capogruppo della Lega in Regione Alan Fabbri: “E’ ridicolo che Marattin si reinventi a paladino degli Azzerati, dopo il disastro creato dal Pd” taglia corto il leghista, che ricorda il primo passo che ha fatto il governo nel garantire “il rimborso del 30% a chi ha fatto ricorso all’arbitrato Consob”, azionisti compresi che “fino ad ora erano stati esclusi da ogni forma di ristoro”. I soldi, assicura Fabbri, “cominceranno ad arrivare sul serio ed è la prima volta che accade”.

Sulla questione interviene anche Massimo Bitonci, sottosegretario all’Economia, il quale ribadisce che “entro poche settimane i risparmiatori delle banche truffate riceveranno i primi ristori”, grazie all’emendamento proposto dal Mef inserito nel Milleproroghe, che indica che “i risparmiatori ai quali è stato accolto il ricorso all’arbitro, potranno richiedere rimborso in via immediata con limite massimo del 30% e un tetto di 100 mila euro”.

Questo è solo il primo passo, afferma Bitonci che lancia qualche stilettata al vecchio governo: “Con la Legge di Bilancio stanzieremo somme importanti a favore delle vittime dei crac, molto più importanti dei 25 milioni all’anno del Pd che altro non sarebbero stati che elemosina”.

A dar manforte a Marattin, c’è invece la senatrice del Pd Paola Boldrini, che chiede di “non cercare altre strade, come si vorrebbe fare con il Milleproroghe, che eviterebbero solo di risolvere definitivamente il problema”. La ‘dem’ ricorda inoltre “la recente interrogazione presentata da me altri colleghi al Ministro dell’Economia”, che chiedeva di “aumentare il Fondo, che già prevedeva una dotazione iniziale di 100 milioni di euro per il triennio 2018-2020, in maniera tale da consentire a un numero più ampio di risparmiatori di accedere all’indennizzo”.

Così invece Luigi Vitellio: “Sulla pelle degli Azzerati è stata fatta una delle più brutte campagne elettorali di sempre. Leghisti e Cinque stelle, ora, si rimangiano tutte le promesse fatte”. L’invito di Vitellio ai parlamentari ferraresi di tutti gli schieramenti è di far votare in commissione l’emendamento Pd, il cui primo firmatario è proprio Marattin, che prevede “l’aumento delle risorse per il fondo di solidarietà da 100 a 175 milioni di euro”, e l’anticipo al “30 settembre dell’emanazione del decreto attuativo che il governo vorrebbe spostare al 31 gennaio”. “Se siete capaci – conclude in maniera provocatoria Vitellio – trasformate le promesse in soluzioni”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi