Sab 11 Ago 2018 - 4387 visite
Stampa

Tempesta di fulmini, alberi caduti e black-out nel Ferrarese

Il nubifragio porta refrigerio e disagi: voragine aperta a Ponti Spagna, il Centese passa la serata senza corrente elettrica

Black-out, alberi sradicati, rami pericolanti. Sono alcuni degli strascichi del violentissimo temporale che giovedì sera si è abbattuto sul Ferrarese. Un acquazzone atteso da tanti residenti, nella speranza che potesse rinfrescare l’aria dopo giorni di caldo afoso, ma che si è riversato come una vera e propria tempesta di lampi tra fulmini spettacolari, tuoni roboanti e raffiche di vento fortissime.

Il nubifragio ha provocato diversi disagi nella provincia estense. Sono una cinquantina gli interventi aperti dal comando provinciale dei vigili del fuoco dalle 20 di giovedì sera alla mattina di oggi, in cui sono tuttora in corso le operazioni di rimozione degli arbusti flagellati dal vento.

L’intervento più consistente da parte degli operatori del 115 si è concentrato sul Bondenese, Argentano e a tratti sul Centese. Al lavoro squadre dei vigili del fuoco di Ferrara, Cento, Portomaggiore e due squadre dei volontari di Bondeno che si sono concentrati sull’Alto Ferrarese.

Se alberi e rami sono stati abbattuti tra Sant’Agostino e XII Morelli, è a Ponti Spagna che si registra la situazione più critica. Nella via di Spagna della frazione matildea lo sradicamento di un tronco ha aperto una voragine in strada. “Qui è un disastro” commentano i volontari impegnati nella messa in sicurezza dell’area dopo il violento fortunale.

Danni anche nella città capoluogo, specialmente all’ospedale di Cona, dove le infiltrazioni hanno causato la caduta di pannelli del controsoffitto, e il Giardino delle Capinere dove la caduta di un acero americano ha provocato danni ancora da quantificare.

Più difficile la situazione nel Centese: a causa del violento temporale alcune zone di Cento, Penzale e Porta Pieve, e delle frazioni di Corporeno e Reno Centese, sono rimaste senza energia elettrica dalle 21.15 a mezzanotte e mezza. Le squadre Enel sono uscite per riparare i guasti e il problema alla fornitura di energia elettrica si è risolto nel giro di circa tre ore.

Fra le situazioni più problematiche riferite nel territorio del Guercino, ma comunque sotto controllo, la caduta di alberature su cavi elettrici a XII Morelli e una fuga di gas (contenuta) fra Dosso e Cento, mentre il fulmine caduto sulla Coop non ha avuto fortunatamente conseguenze. Numerose sono state le segnalazioni per rami sulle strade e allagamenti dovuti al grande quantitativo di pioggia sceso in pochi minuti, soprattutto nelle zone di XII Morelli, Casumaro, Reno Centese e Alberone.

Il sindaco Fabirizio Toselli nel momento dell’acquazzone aveva raccomandato la massima prudenza e di non uscire se non in caso di emergenza, oltre a ringraziare i vigili del fuoco impegnati in numerosi interventi: “A loro e a tutti coloro che si stanno prodigando va il nostro ringraziamento”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi