mer 16 Mag 2018 - 2902 visite
Stampa

Furia alcolica aggredisce agenti e 118: sedato e arrestato

In questura tira testate al muro e sferra calci e pugni a chiunque. C'è voluta la sedazione per placarlo

Gira in zona Gad pedalando a zig-zag, poi cade a terra perché troppo ubriaco per rimanere in equilibrio sulla bicicletta. Il piccolo incidente accade martedì sera in piazzale Castellina, proprio davanti alla volante della polizia di Stato che in quel momento transitava in zona. Da lì in poi si scatena il panico.

Gli agenti, che hanno già notato il soggetto barcollante, scendono dal mezzo di servizio per verificare se si fosse fatto male e, accertata la sua integrità fisica, gli chiedono un documento d’identità. Di tutta risposta l’uomo – un 40enne di nazionalità nigeriana – dà in escandescenze e inizia ad insultare gli agenti.

Visto il suo rifiuto, gli agenti decidono di accompagnarlo in questura per risalire alla sua identità. Con fatica, riescono a caricarlo sulla volante e a portarlo in questura dove crea non pochi problemi agli operatori. Nei corridoi, infatti, cerca di colpire il muro con la testa e sferra calci e pugni a chiunque gli si avvicinasse.

Una furia incontrollabile, per la quale la polizia si vede costretta a chiamare un’ambulanza. Il medico di turno, constatatone l’atteggiamento violento e aggressivo verso gli operatori del 118 e 113, opta per la sedazione del soggetto.

Una volta sedato, si procede con la perquisizione e tra gli effetti personali viene ritrovata la carta d’identità. Si può quindi passare al controllo nella banca dati delle forze di polizia, in cui il suo nominativo era già schedato per reati inerenti il soggiorno.

Il 40enne è stato quindi tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e trattenuto in attesa del rito direttissimo presso le camere di sicurezza così come disposto dal pm di turno.

Sempre nella serata di martedì, in via Mura di Porta Po, il personale delle volanti ha rinvenuto nei giardinetti dietro il Palazzo delle Palestre un involucro contenente sostanza risultata derivata della canapa indiana, del peso netto di 35,7 grammi, sequestrata a carico di ignoti.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi