Dom 7 Lug 2013 - 1327 visite
Stampa

Negri, il dibattito si sposta in chiesa

Non sono mancati sottili riferimenti alla polemica dell'ultima settimana nella funzione odierna in Duomo

fotodi Anja Rossi

Pacati – se non impercettibili – sono stati oggi i riferimenti al tanto discusso “postribolo”. Questa mattina, la Messa domenicale in Duomo è stata infatti presieduta dal monsignor Luigi Negri, che da una settimana ha acceso un fervente dibattito sulla vita giovanile del mercoledì sera a Ferrara.

Chi si aspettava che la funzione religiosa diventasse il luogo della chiarificazione e del confronto può ritenersi deluso. Nessun esplicito riferimento è stato offerto da Negri sui termini usati e sui concetti espressi in questi giorni, né nell’omelia né durante il resto della Santa Messa, che è stata peraltro animata dalla FCO-Friends Chamber Orchestra, una formazione orchestrale composta da 40 giovani studenti del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara, che per l’occasione ha eseguito musiche di Bach, Vivaldi e Mozart.

Chi ama leggere tra le righe può però riscontrare, senza mai accennarli direttamente, certi indirizzi che i fedeli, proprio in quanto tali, dovrebbero seguire: diventare testimoni e farsi dunque tramite di un certo messaggio. E lo fa con pochissime parole, in modo asciutto e netto.

L’arcivescovo invita, con riferimento alle lettere di san Paolo ai Gàlati (6,14-18), a chiedersi se sia davvero la questione della circoncisione o meno quella che conta, o se sia piuttosto “essere nuova creatura, ponendoci la questione: chi è che ha ragione? I moralisti? I rigoristi? O più semplicemente chi porta la salvezza? L’uomo soffre fino a morire in questi tempi come in quelli di San Paolo” afferma Negri.

Poi torna a parlare di verità in riferimento al Vangelo secondo Luca (10,1-12.17-20), affermando che “il realismo non è schierarsi dalla parte giusta, che cambia continuamente, ma essere testimoni di ciò che è accaduto, di ciò che è venuto e che sta qui, ovvero la salvezza che con la croce salva il mondo. L’umanità è chiamata a partecipare alla croce di Cristo e ad essere creatrice a sua volta, anche nelle difficoltà e nelle tensioni. La croce – ribadisce Negri – è obbedienza al Padre. La missione di annunciare il Vangelo è il grande compito. I 72 non erano solo preti e vescovi, ma erano la punta avanzata del popolo di Dio. Bisogna dunque portare la parola di Dio a tutti quelli che si incontra”. Detto in altre parole, un dovere, questo, che è di tutti e non solo dei componenti della gerarchia ecclesiastica.

Il monsignore, che prima di giungere in Duomo aveva celebrato la Messa presso i Lidi per conoscerne le condizioni e le realtà, una volta conclusa la funzione religiosa è uscito sul tanto discusso sagrato e ha dialogato con alcuni giovani presenti alla liturgia domenicale, perché “la messe è abbondante, ma gli operai sono pochi” come già l’apostolo Luca sottolineava.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi