mer 17 Ott 2012 - 205 visite
Stampa

Bassani, cacciato, ritorna in biblioteca

Ospiti internazionali per la presentazione dei saggi italoamericani

Allontanato come ebreo dalla biblioteca Ariostea di Ferrara subito dopo le leggi razziali, Bassani vi ha fatto ritorno ieri in una dimensione internazionale con la presentazione del libro ‘Poscritto a Giorgio Bassani’. Il libro, pubblicato da Led: edizioni universitarie nel maggio di quest’anno, è un’ importante raccolta di saggi italo-americani.

L’iniziativa, frutto della collaborazione tra la  Fondazione Giorgio Bassani, il Vassar College di New York e la  casa editrice, è stata presentata dal germanista Roberto Rizzo ed ha coinvolto  le curatrici Roberta Antognini e Rodica Diaconescu Blumenfeld, del dipartimento di italiano del Vassar College, nello stato di New York – a cui si devono anche due pregevoli saggi critici – e gli autori Francesco Bausi, Claudio Cazzola e Piero Pieri, in una presentazione a più voci e al di fuori degli schemi tradizionali.

Si è partiti dalla differenza tra la critica americana, più creativa e snella, priva quasi di note  e quella europea, più oggettiva e documentata, per poi passare alla presentazione da parte degli autori dei loro contributi critici, e concludere infine con una raffica di domande a Paola Bassani su suo padre. È stato approfondito il fondamentale  rapporto di Bassani con le università americane e in particolare con quella dell’Indiana, dove il ferrarese ha scritto la prima versione della poesia  “Campus”, rapporto documentato con la pubblicazione di lettere e fotografie inedite.

Non poteva mancare l’incontro con la scuola che è stata di Bassani: l’anteprima della presentazione è avvenuta in orario scolastico al liceo Ariosto. Ospiti d’eccezione gli studenti del Vassar College.  Roberta Antognini e Rodica Diaconescu Blumenfeld, autrici dell’intervista a Paola Bassani con cui apre “Poscritto”, e la figlia dello scrittore hanno risposto alle domande non certo banali  su “Per un ‘memoir’ su mio padre”.

Stampa
  • massimo e monica

    Ormai sono tanti gli studiosi che vengono a Ferrara da tutte le parti del mondo e in tante parti del mondo si organizzano convegni e giornate di studio su Bassani. In questa ultima settimana sono a Ferrara studiosi dalle università americane e studenti del Vassar College, ma gli addetti alla cultura di Ferrara e Provincia brillano per la loro assenza.

  • frsnco

    x masssimo.monica. Non meravigliatevi,su Bassani ci sono ancora incredibili spaccature e per i politici è meglio non apparire

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi