Argenta
14 Aprile 2024
Le dicono che il marito è in caserma dopo aver investito un motociclista e che avrebbe dovuto pagare 7.500 euro come cauzione per poterlo liberare. La vittima però è stata più furba e due ragazze campane di 23 e 24 anni sono finite in manette

Provano la truffa del ‘finto carabiniere’ ma vengono scoperte e arrestate

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Il Pd presenta i 16 candidati per il Baldini bis

Sedici candidate e candidati con un'età media di 43 anni che va dai 18 ai 74 anni. È questa la squadra del Pd di Argenta che affronterà le prossime elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno a sostegno del Baldini bis

Sorelle minorenni violentate dal patrigno. Le salva la nonna

In tre circostanze avrebbe violentato le figlie minorenni della sua compagna convivente, due ragazzine di 11 e 17 anni, approfittando dell'assenza della donna, che l'aveva lasciato da solo in casa con le giovani, senza immaginare quello che poi sarebbe accaduto

Argenta. “Buongiorno signora, siamo i carabinieri. La dobbiamo informare che purtroppo suo marito ha appena provocato un grave incidente stradale e attualmente è in caserma in stato di arresto. Se mi fornisce il suo recapito cellulare, la faccio contattare dall’avvocato d’ufficio che le indicherà come versare la cifra necessaria alla liberazione“.

Sempre più spesso, negli ultimi mesi, si sente parlare di truffe “del finto carabiniere“, in cui il truffatore di turno contatta telefonicamente la sua vittima facendo leva su due elementi fondamentali: la situazione di difficoltà di una persona cara e l’autorevolezza di chi la informa dell’accaduto.

È quanto accaduto nel pomeriggio di ieri, 12 aprile, ad Argenta, quando una donna di 46 anni ha ricevuto una telefonata sull’utenza fissa di casa in cui un sedicentecarabiniere di Ravenna” la informava che il marito aveva appena investito un motociclista ed era in stato di arresto in caserma, comunicandole poi che, attraverso un avvocato d’ufficio, avrebbe dovuto versare all’autorità giudiziaria 7.500 euro per la liberazione dell’uomo. Dopodiché chiedeva alla donna un recapito cellulare per poterla ricontattare in caso di necessità e le preannunciava che sarebbe stata chiamata anche dall’avvocato, che le avrebbe fornito istruzioni dettagliate.

Terminata questa prima telefonata, ne è arrivata subito un’altra, in cui un sedicente avvocato, ribadendo la situazione, precisava che una sua collaboratrice di studio sarebbe passata presso l’abitazione della signora per ritirare il denaro, aggiungendo che, qualora la donna non avesse avuto immediata disponibilità dell’intera somma richiesta, avrebbe potuto consegnare gioielli di valore equivalente, che sarebbero stati depositati in garanzia presso i carabinieri. Intanto, il finto carabiniere richiamava la donna sull’utenza cellulare, evidentemente allo scopo di non consentirle di provare a chiamare i familiari o le forze dell’ordine.

Fin qui il copione è collaudato, ma in questo caso la vittima, avendo capito sin da subito le intenzioni dei suoi interlocutori telefonici, tra la prima e la seconda telefonata ha avuto la prontezza di contattare il comandante della stazione dei carabinieri di Argenta che, percepita la gravità della situazione e le necessità di non perdere neanche un minuto, si è precipitato a casa della donna assieme a sei dei suoi collaboratori. Tutti i carabinieri di Argenta presenti in quel momento in caserma senza alcuna esitazione sono intervenuti coralmente e, mentre il comandante e un altro militare si erano nascosti in casa della vittima, gli altri cinque, divisi in due squadre, si erano appostati sulla strada a ridosso dell’abitazione.

Ancora decine di minuti di conversazione telefonica ‘doppia’ – avvocato sull’utenza fissa e carabiniere su quella cellulare – in cui alla donna, per convincerla di non essere vittima di una truffa, il finto avvocato forniva dei codici che erano assolutamente fasulli e inutili, che poi lei avrebbe dovuto comunicare al sedicente carabiniere e viceversa. Poi la collaboratrice dell’avvocato aveva bussato al campanello, era entrata in casa e aveva trovato due carabinieri veri ad “accoglierla”. Intanto, sulla strada, gli altri militari individuano e bloccano la complice, che attendeva in auto.

Quando hanno capito di essere di fronte a veri carabinieri, entrambe le ragazze di 23 e 24 anni, giunte ‘in trasferta’ dalla provincia di Salerno – hanno provato a darsi alla fuga, ma sono state subito bloccate dai militari, alcuni dei quali, fortunatamente senza esiti, hanno dovuto anche subire gomitate, spinte e strattoni. Morale della favola: tutte e due arrestate per tentata truffa in concorso e per resistenza a pubblico ufficiale.

Dopo una notte nelle camere di sicurezza del comando provinciale dei carabinieri di Ferrara, nella tarda mattinata di oggi (13 aprile) sono state accompagnate in tribunale a Ferrara, dove il giudice Giovanni Solinas ne ha convalidato l’arresto e disposto per entrambe l’obbligo di dimora nei Comuni di residenza e solo per una anche l’obbligo di permanenza della sua abitazione dalle 21 alle 6.

L’udienza dibattimentale è stata rinviata al 22 aprile per richiesta dei termini a difesa.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com