Cronaca
12 Aprile 2024
Gli avvocati Eugenio Gallerani e Marco Linguerri, che difendono i sei indagati, rispondono alle opposizioni alla richiesta di archiviazione avanzata dai familiari degli ospiti di Cra Paradiso e Caterina

Archiviazione Cra. I legali delle strutture: “Nessuna contraddittorietà nell’atto del pm”

di Davide Soattin | 3 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

Truffavano ‘giocando’ sui sentimenti. Fanno scena muta davanti al giudice

Finiti nei guai dopo la maxi-operazione coordinata dalla Procura di Palermo, che ha portato a scoperchiare un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa estesa in tutta Italia, i due fratelli di nazionalità nigeriana, che nei giorni scorsi sono stati arrestati a Ferrara, hanno scelto la via del silenzio

Contabilità ‘artefatta’ per avere permessi di soggiorno. Trenta stranieri nei guai

È approdato ieri (venerdì 17 maggio) mattina, davanti al giudice Rosalba Cornacchia del tribunale di Ferrara, il processo che vede imputate trenta persone di nazionalità straniera con l'accusa di aver usufruito di falsi permessi di soggiorno per fatti avvenuti tra il 2014 e il 2019 e scoperchiati da una articolata inchiesta eseguita dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza

Dopo l’opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dai familiari degli ospiti morti e contagiati nelle Cra Paradiso e Caterina durante la seconda ondata di Covid, gli avvocati Eugenio Gallerani e Marco Linguerri, legali difensori dei sei indagati delle due residenze per anziani, rispondono a quanto presentato dai colleghi Gian Luigi Pieraccini e Piero Giubelli, che assistono le persone offese e chiedono che la vicenda prosegua per accertare eventuali responsabilità penali e non venga chiusa.

“La lettura degli atti di opposizione alla richiesta di archiviazione avanzata dal pubblico ministero relativamente a Residenza Paradiso e a Residenza Caterina porta ad un’immediata constatazione: gli atti di opposizione formulati dai legali delle persone offese non si confrontano quasi per nulla con le solide, ben motivate e approfondite considerazioni svolte dal pubblico ministero relativamente all’insorgere e al diffondersi del focolaio e finiscono in larga misura per replicare il contenuto degli esposti presentati tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 da alcuni dei parenti degli ospiti delle due strutture, senza considerare minimamente l’ampia e articolata attività di indagine svolta dalla Procura della Repubblica” esordiscono.

Gallerani e Linguerri proseguono nella loro lettura dei fatti: “Fuorviante poi risulta il riferimento ad una pretesa contraddittorietà nella richiesta di archiviazione avanzata dal pubblico ministero, laddove ci si riferisce alla prima parte della richiesta di archiviazione. In realtà, in quella narrazione il pubblico ministero si limitava a trascrivere le richieste a suo tempo avanzate al Giudice per le Indagini Preliminari di svolgere attività intercettiva, richieste tutte rigettate, ancora nel lontano 2021, per ben due volte da due diversi giudici proprio per mancanza di gravi indizi di reato”.

“Pertanto, non vi è alcuna contraddittorietà nell’atto del pubblico ministero, che viceversa si confronta ed esamina l’intera documentazione, davvero vasta, agli atti del fascicolo che testimonia dell’operato corretto e tempestivo posto in essere dalle due strutture durante i focolai che le hanno colpite, con esiti non dissimili da quelli di tanti altri focolai nella Provincia, nella Regione e in tutta Italia in quel periodo di cosi grave emergenza che tutti ricordiamo e che era contrassegnato da tanti morti nelle più diverse strutture, anche sanitarie, a partire dagli ospedali” spiegano.

“Si è altresì documentalmente provato come le diverse iniziative assunte dalle Residenze fossero sempre comunicate e condivise con l’Autorità Sanitaria, circostanza di fondamentale rilievo, adeguatamente valorizzata dal pubblico ministero nella richiesta di archiviazione” sottolineano gli avvocati.

I due legali difensori dei sei indagati concludono: “In entrambi gli atti di opposizione viceversa non si tiene conto della imponente documentazione acquisita dalla Procura della Repubblica di Ferrara e dell’attività corposa di indagine, di oltre tre anni, che ha portato all’esito la Procura della Repubblica a formulare motivata e condivisibile richiesta di archiviazione, non essendo emerso alcun elemento probatorio conducente a supportare le ipotesi di reato inizialmente formulate“.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com