La capra sulla rupe
17 Novembre 2023

Ma Gandalf per chi vota?

di Alessandro Chiarelli | 3 min

Leggi anche

Motorizzazione incivile

Da diversi anni la sede della Motorizzazione Civile ha la facciata imbrattata da enormi scritte che inneggiano ai No Vax, alle morti di Stato, e deliri complottistici vari

Un uomo che viene da lontano

È arrivato al GAD mentre c’era una rissa (chissà come lui sa sempre tutto in diretta), e mentre la giornalista osava filmare l’arresto di un nigeriano l’ha chiamata “comunista di merda”!

A Brave new world

Martedì Elon Musk di Tesla ha licenziato l’intera divisione che si occupa delle stazioni di ricarica rapida e gratuita “Supercharger”. Ha licenziato in tronco tutti: i due principali dirigenti del settore, e circa altri 500 dipendenti

Un ragionamento semplice

Quando gli animali scelgono il capobranco lo fanno in base ad indicatori prognostici della sua capacità di guidare e proteggere il gruppo. Per essere un capo nel regno animale sono importanti la forza fisica e l’intelligenza, la capacità di garantire la difesa dai predatori e quella di trovare cibo

Anatomia di un manifesto

Il manifesto del Pd per Anselmo avrebbe lo scopo di seducere, nel senso etimologico di condurre a sé (se-ducere), e quindi convincere chi lo guarda della bontà della proposta politica, dell’affidabilità del candidato, della sua trasparenza, della sua riconoscibilità e competenza

Non è da oggi che i fascisti tirano per la giacca Tolkien per metterlo tra i padri nobili del pensiero di destra. Già negli anni ’70 il Fronte della Gioventù (i balilla dell’epoca) chiamarono “Campi Hobbit” il loro raduni.

I motivi di questa passione sono relativamente facili da intuire, le tradizioni nordiche, i miti celtici, gli eroi valorosi e coraggiosi che difendono la terra e le fanciulle: c’è tutto l’armamentario del maschio guerriero. Ma probabilmente l’innamoramento definitivo della destra per Tolkien sorge dal fatto che in quella saga il male è radicale, assoluto e irredimibile, ed in più è facilissimo da riconoscere.

Sauron è un distillato di odio senza rimedio, e per questo la sua presenza è come un balsamo per il pensiero di destra. Sauron lo salva dalla cosa che teme di più, quella che lo getta nel panico; il mondo è complesso.

Non va dimenticato che “Lo Hobbit” nasce come una fiaba che Tolkien inventa per affascinare i figli piccoli prima di dormire.

L’allergia alla complessità e la propensione irriducibile a ridurre il mondo in categorie semplici sono le caratteristiche di sempre del pensiero di destra, che guarda con sospetto “il troppo pensare” della sinistra (e talvolta ha ragione).

Tuttavia, la saga del Signore degli Anelli è in realtà un universo ben più complesso di quello che sembra. Sono possibili molteplici livelli di lettura e i personaggi sono molto più ambivalenti e tormentati della raffigurazione che superficialmente viene data. Molti di loro sono specchi esemplari dell’inquietudine umana.

A Tolkien, e al mondo del Signore degli Anelli, è dedicata una mostra appena inaugurata a Roma. Sono felice che si celebri questo autore. Bene anche che la Meloni vada a visitarla di bianco vestita (come Gandalf dopo il ritorno dagli inferi).

Tolkien è un gigante della letteratura e la sua opera è un patrimonio dell’umanità.

Mi piace ricordarlo per questo episodio, di cui forse nei Campi Hobbit non sapevano nulla.

Nel 1938 la casa editrice Rütten & Loening era arrivata a un accordo con Allen & Unwin, l’editore inglese, per pubblicare una traduzione de Lo Hobbit in tedesco, ma prima della pubblicazione inviò una lettera allo scrittore chiedendogli se era di ascendenza ariana:

Godiamoci la risposta di Tolkien.

“ Temo di non aver capito chiaramente cosa intendete per arisch. Io non sono di origine ariana, cioè indo-iraniana; per quanto ne so, nessuno dei miei antenati parlava indostano, persiano, gitano o altri dialetti derivati. Ma se volevate scoprire se sono di origine ebrea, posso solo rispondere che purtroppo non sembra che tra i miei antenati ci siano membri di quel popolo così dotato.

Il mio bis-bis-nonno venne in Inghilterra dalla Germania nel diciottesimo secolo: la gran parte dei miei avi è quindi squisitamente inglese e io sono assolutamente inglese, il che dovrebbe bastare. Sono sempre stato solito, tuttavia, considerare il mio nome germanico con orgoglio e ho continuato a farlo anche durante il periodo dell’ultima, deplorevole guerra, durante la quale ho servito nell’esercito inglese.

Non posso tuttavia, trattenermi dall’osservare che se indagini così impertinenti e irrilevanti dovessero diventare la regola nelle questioni della letteratura, allora manca poco al giorno in cui un nome germanico non sarà più motivo di orgoglio”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com