Cronaca
19 Settembre 2023
Il bimbo annegò nella piscina dell'agriturismo Ca' Laura a luglio 2020 e lei ora è accusata di omicidio colposo. Ieri l'istanza di sospensione del procedimento avanzata dell'avvocato difensore, che per ora è stata però respinta dal tribunale

Annegato a quattro anni. “Niente processo per la madre, ha già sofferto troppo”

di Davide Soattin | 2 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

Truffavano ‘giocando’ sui sentimenti. Fanno scena muta davanti al giudice

Finiti nei guai dopo la maxi-operazione coordinata dalla Procura di Palermo, che ha portato a scoperchiare un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa estesa in tutta Italia, i due fratelli di nazionalità nigeriana, che nei giorni scorsi sono stati arrestati a Ferrara, hanno scelto la via del silenzio

Contabilità ‘artefatta’ per avere permessi di soggiorno. Trenta stranieri nei guai

È approdato ieri (venerdì 17 maggio) mattina, davanti al giudice Rosalba Cornacchia del tribunale di Ferrara, il processo che vede imputate trenta persone di nazionalità straniera con l'accusa di aver usufruito di falsi permessi di soggiorno per fatti avvenuti tra il 2014 e il 2019 e scoperchiati da una articolata inchiesta eseguita dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza

Starebbe già soffrendo abbastanza per la morte del figlio, che continuare il processo sarebbe un ulteriore ‘accanimento‘ nei suoi confronti, considerando la condizione umana e lo stato di salute psicologica che la donna sta attraversando da ormai oltre tre anni, senza riuscire a darsi pace e auto-assolversi di quello che accadde in quel pomeriggio di metà estate che finì in tragedia.

È su queste basi che, durante l’udienza di ieri, lunedì 18 settembre, l’avvocato Gianni Ricciuti ha chiesto la sospensione del procedimento nei confronti della sua assistita, Veronica Romanelli, accusata di omicidio colposo per la morte del figlio Maxsimiliano Grandi, il bimbo di quattro anni e mezzo che, il 12 luglio del 2020, annegò nella piscina grande dell’agriturismo Ca’ Laura di Bosco Mesola.

Il legale difensore della donna ha infatti presentato un’istanza al giudice del tribunale di Ferrara, portando l’esempio di un caso simile, accaduto a uno zio titolare di un cantiere edile, indagato e imputato per la morte sul lavoro di suo nipote, su cui ora si sta attendendo che la Corte Costituzionale si pronunci.

Nello specifico, l’avvocato Gianni Ricciuti ha spiegato che l’istanza presentata si muove su tre direttive principali. “Non viene rispettato il principio di proporzionalità della pena” ha evidenziato, aggiungendo che “l’applicazione della pena giudiziaria non è più necessaria in una situazione del genere” per poi concludere facendo riferimento a quello che “è il divieto di comminare pene disumane“.

Davanti a questa richiesta, il pm Stefano Longhi, titolare del fascicolo di indagine, non si è opposto. Diversamente, depositando un’ordinanza, il giudice non ha accettato l’istanza di sospensione del processo, non condividendo la tesi per cui proseguire il procedimento vorrebbe dire violare un principio costituzionale, secondo quanto sostenuto dall’avvocato.

Così, in attesa che la Corte Costituzionale si esprima sul caso dello zio imputato per la morte del nipote sul luogo di lavoro, il processo va avanti. La prossima udienza, infatti, è stata rinviata a lunedì 11 dicembre, quando saranno sentiti i consulenti medico-legali e cinematici della difesa, che avranno il compito di raccontare i tempi del decesso e degli spostamenti, oltre che l’ultimo teste del pm e la stessa donna imputata.

 

 

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com