Cronaca
26 Maggio 2023
Depositate le motivazioni della sentenza per l'uccisione della 75enne Alberta Paola Sturaro. Presenti anche alcune considerazioni sui fratelli dell'uomo: "Condotte successive al decesso della donna appaiono poco logiche e quasi inverosimili se non lette in quel particolare contesto familiare"

Omicidio via Ghiara. Franzolin uccise affetto da “una grave patologia psichiatrica”

di Davide Soattin | 3 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

Truffavano ‘giocando’ sui sentimenti. Fanno scena muta davanti al giudice

Finiti nei guai dopo la maxi-operazione coordinata dalla Procura di Palermo, che ha portato a scoperchiare un'associazione a delinquere finalizzata alla truffa estesa in tutta Italia, i due fratelli di nazionalità nigeriana, che nei giorni scorsi sono stati arrestati a Ferrara, hanno scelto la via del silenzio

Contabilità ‘artefatta’ per avere permessi di soggiorno. Trenta stranieri nei guai

È approdato ieri (venerdì 17 maggio) mattina, davanti al giudice Rosalba Cornacchia del tribunale di Ferrara, il processo che vede imputate trenta persone di nazionalità straniera con l'accusa di aver usufruito di falsi permessi di soggiorno per fatti avvenuti tra il 2014 e il 2019 e scoperchiati da una articolata inchiesta eseguita dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza

Una “grave patologia psichiatrica di cui era ed è tuttora affetto, che gli impedì di autodeterminarsi e inoltre di comprendere, con pienezza di significato, la conseguenza dei suoi atti”. È quella che ha spinto la Corte d’Assise del tribunale di Ferrara ad assolvere perché totalmente incapace di intendere e di volere Stefano Franzolin, il 49enne che soffocò con un cuscino la madre, la 75enne Alberta Paola Sturaro.

Lo si legge nelle ottanta pagine di motivazioni della sentenza scritte dal presidente estensore, il giudice Piera Tassoni, e dal giudice estensore Silvia Marini, in cui viene ricostruito quanto accadde nella mattinata del 22 marzo 2021, nella casa di via Ghiara, che l’uomo condivideva insieme alla madre e ai fratelli Alessandro e Silvia.

Le conclusioni del tribunale, quindi, confermano che Franzolin “agì, uccidendo la madre, in assenza della capacità di volere, conservando seppur grandemente scemata la capacità di intendere“, sottolineando poi come – anche sulla base di quanto evidenziato dagli esami svolti dal perito Giuseppina Meloni – “non v’è chi non veda come sia descritto un soggetto affetto da un vizio totale di mente, stante l’assenza totale in lui di capacità di volere”.

Quanto all’omicidio della donna, i giudici evidenziano come “la condotta dell’imputato può collocarsi tra le 6 e le 7 del 22 marzo, orario compatibile con l’arco temporale indicato dal medico legale” e “non vi è motivo di dubitare che l’azione violenta sia stata scatenata dalle frasi proferite dalla madre, che paragonava Stefano (Franzolin, ndr) – legato alla madre da un rapporto simbioticoal padre, figura per lui estremamente negativa”.

“Udite quelle parole – si legge – l’imputato entrava nella camera; più volte ha dichiarato che era ancora al buio, per cui procedeva a tentoni, ma riusciva a intravedere il letto e le ombre grazie alla luce che filtrava dall’ultima finestra, che era accostata. Le condizioni psicofisiche alterate dell’imputato durante l’agito omicidiario – vanno avanti i giudici – gli impedivano successivamente di ricordare con precisione l’accaduto, in particolare la sua posizione e nello specifico quale dei cuscini aveva utilizzato. È verosimile, alla luce di quanto accertato con la consulenza genetica – scrivono -, che il cuscino utilizzato sia stato quello inferiore tra i due posti sotto il capo della madre”.

Nella sentenza c’è spazio anche per alcune considerazioni sui movimenti degli altri due fratelli, successivi alla morte della donna: “Prima dell’arrivo delle forze dell’ordine, anche per un considerevole lasso temporale, la stanza è stata a disposizione di tutti i fratelli; anche Alessandro e Sonia si sono soffermati al capezzale della madre”. Secondo i giudici, però, “le condotte successive al decesso di tutti e tre i fratelli appaiono in realtà poco logiche e quasi inverosimili se non lette in quel particolare contesto familiare”.

Il riferimento – spiegano in conclusione- è al fatto che “nessuno si premura di chiamare nell’immediatezza il 118 per avere la certezza dell’exitus (il decesso, ndr), o le forze dell’ordine a fronte del comportamento aggressivo di Stefano verso il fratello (lo avrebbe colpito in testa e minacciato con un pentolino, ndr)”. Un aspetto, questo, su cui aveva insistito anche l’avvocato Alberto Bova – difensore di Franzolin – durante la discussione in aula, affermando che “nessuno in quella casa chiama il 118, o la polizia, o i carabinieri. E a nessuno è venuto in mente di provare a rianimare la madre, a praticarle il massaggio cardiaco”.

Oggi, dopo un periodo di detenzione nel carcere di via Arginone, Franzolin è stato trasferito nella Rems (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) di Reggio Emilia. Dove rimarrà per almeno dieci anni.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com