Politica
8 Marzo 2019
Fusari: "Ottima notizia, ora possiamo riprendere il lavoro iniziato". Lunedì il voto in municipio

Bando Periferie, pronta la nuova convenzione: il governo ‘restituisce’ 18 milioni a Ferrara

di Ruggero Veronese | 2 min

Leggi anche

Cpr, il Ministero non smentisce la costruzione a Ferrara

Il Ministero dell’Interno non conferma quanto detto dal senatore Alberto Balboni sul passo indietro in merito alla costruzione di Centro di permanenza per i rimpatri a Ferrara. A mettere in imbarazzo la maggioranza è lo stesso sottosegretario del Viminale, Emanuele Prisco, in quota Fratelli d’Italia

Darsena, poco da festeggiare

Oggi verrà inaugurata la fine degli infiniti lavori in via Darsena. Ma fermi un attimo, prima di scatenare il tripudio e la gioia, riflettiamo su cosa effettivamente stiamo celebrando. Questo progetto è frutto dell'opera dell'amministrazione precedente, datata 2016. E non dimentichiamoci dei 18 milioni di finanziamento ottenuti nel 2018

Rimborso contenzioso con Lageder. Nanni: “Si utilizzi per l’edilizia popolare”

Grazie alla vittoria del contenzioso con la famiglia Lageder, sancito dalla Corte d'Appello di Bologna lo scorso due febbraio il comune di Ferrara dovrà riceve un rimborso da oltre un milione di euro. E così, il consigliere Davide Nanni (Pd), si chiede se non sia il caso di destinarli a "interventi di recupero e manutenzione di alloggi popolari nel nostro territorio comunale"

Se lunedì prossimo verrà approvata la manovra di bilancio in consiglio comunale, la notizia sarà ufficiale: i 18 milioni di euro di finanziamenti del Bando Periferie verranno ‘restituiti’ a Ferrara, dopo essere stati congelati l’8 agosto scorso insieme ai 2,1 miliardi stanziati dal governo Renzi per la città estense e altri 95 Comuni italiani. A darne conferma a Estense.com, dopo le anticipazioni di metà ottobre, sono gli assessori all’urbanistica Roberta Fusari e al bilancio Luca Vaccari, secondo cui la nuova convenzione tra governo e Comune è da qualche giorno nelle mani del sindaco Tiziano Tagliani e martedì è stata varata una delibera di giunta che autorizza il Comune ad adottarla.

“È un’ottima notizia – afferma Fusari -, anche se da agosto a oggi abbiamo perso sei mesi di tempo e avremmo già potuto far partire le gare di appalto, la nuova convenzione per la verità è quasi identica a quella sottoscritta col governo Renzi, con qualche modifica, ma l’importante è che ci dà la possibilità di riprendere il lavoro iniziato e di rientrare delle spese che abbiamo anticipato”.

Merito anche della pressione esercitata sul governo dall’Anci (l’Associazione Nazionale Comuni Italiani), che all’indomani del blocco dei fondi ruppe i rapporti con l’esecutivo pretendendo la ‘restituzione’ dei 2,1 miliardi ai Comuni. Una battaglia che portò a due risultati, ufficializzati nella finanziaria: l’impegno formale del governo di rimborsare ai Comuni le spese di progettazione messe a bilancio nel 2018, e quello di stipulare entro il 30 gennaio nuove convenzioni con i Comuni per finanziare i cantieri che saranno già nelle condizioni di partire nel prossimo biennio. Ora, seppur con un mese di ritardo, la convenzione è stata inviata all’amministrazione ferrarese che è pronta ad approvarne l’applicazione in consiglio comunale.

Le opere che verranno finanziate a Ferrara riguardano in particolare la zona ex Mof – via Darsena – Meis e vanno dalla costruzione di un parcheggio interrato nell’area dell’ex mercato alla realizzazione di una ‘spiaggia urbana’ sulla riva del Po in via Darsena, passando per l’apertura di un nuovo varco nelle mura come accesso principale al Meis. Il Comune fino a oggi ha speso circa 680mila euro per i progetti dei vari interventi, realizzati da dieci studi tecnici, che verranno rifinanziati insieme ai rimanenti 17,2 milioni previsti dal finanziamento, che verranno però erogati gradualmente (presumibilmente in due o tre esercizi di bilancio), mano a mano che il Comune rendiconterà le spese da sostenere per far partire i diversi cantieri.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com