Cronaca
4 Ottobre 2015
Gli Stati Uniti sono lontani dal sogno di Martin Luther King

“Ogni 4 giorni un afroamericano viene ucciso dalla Polizia”

di Elisa Fornasini | 3 min

Leggi anche

Elicottero precipitato a Bondeno. L’Ansv ipotizza l’errore umano

L'Ansv - Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo - ha inserito l'incidente aereo del 10 ottobre 2023 avvenuto a Settepolesini, nel territorio comunale di Bondeno, all'interno del report informativo annuale relativo alla sicurezza dell'aviazione civile in Italia

Trovati con un chilo di droga in auto. Restano in cella

Il gip Carlo Negri del tribunale di Ferrara ha convalidato l'arresto e confermato la custodia cautelare in carcere dei due ferraresi che, nella serata di martedì 9 aprile, sono stati arrestati con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dalla Polizia di Stato che li aveva sorpresi in flagranza con oltre un chilo di hashish in auto

Spendeva troppi soldi con l’amante. La Cassazione gli affida un tutor

La Corte di Cassazione ha dato ragione a una donna ferrarese che, dopo essersi separata, aveva chiesto al giudice tutelare di affidare l'ex marito nelle mani di un amministratore di sostegno dal momento che lui, uomo facoltoso e benestante, stava sperperando tutti i suoi averi con l'amante di nazionalità romena

Cia-Agricoltori: “Accoglienza è futuro”

Conoscere le esperienze, il percorso e la cultura di chi arriva nel nostro Paese per favorire l’integrazione e l’inserimento del mondo del lavoro. Questo il filo conduttore dell’evento “Accoglienza è futuro” organizzato da Anp-Cia-Agricoltori Italiani Ferrara, l’associazione che riunisce i pensionati agricoltori

OLYMPUS DIGITAL CAMERA“Nel ventesimo secolo ogni quattro giorni veniva linciato un afroamericano, nel 2015 ogni quattro giorni un cittadino afroamericano viene ucciso da un agente di polizia”. A fare questo collegamento tra l’epoca di linciaggio del 20esimo secolo e quella del presente è Isabel Wilkerson, giornalista statunitense e prima donna afroamericana a vincere il premio Pulitzer, tra gli ospiti dell’incontro “Stati Uniti. Il sogno incompiuto” tenutosi sabato pomeriggio in un teatro Comunale gremito per il festival di Internazionale.

Il sogno incompiuto è quello di Martin Luther King. Neanche l’elezione di un presidente nero è servita per cambiare la situazione negli Stati Uniti. Una “situazione di razzismo, ingiustizie e discriminazioni” che ha portato il paese a una “dieta quotidiana di morte nera”. Cinque parole forti uscite dalla bocca di Gary Younge, reporter di The Guardian che dopo 12 anni ha lasciato gli Stati Uniti per tornare nella sua madrepatria, l’Inghilterra. Kristina Kay Robinson della Mixed Company viene invece da New Orleans, “una città fondamentale nella scacchiera della resistenza dove è sempre esistita la consapevolezza: i neri in America hanno resistito alla supremazia bianca fin dall’inizio e continuano a farlo”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAMa questa supremazia bianca è iscrivibile solo a logiche di razzismo? si chiede Monica Maggioni, presidente della Rai e moderatrice dell’incontro. “Gli Stati Uniti hanno creato un sistema di caste – risponde Wilkerson – basato sull’aspetto delle persone e nato con la schiavitù perpetuata per 12 generazioni. Un sistema che si adatta alle esigenze politiche e che continua in maniera diversa ancora oggi”. “Sono affascinato dalla costruzione di un sistema razzista così istituzionalizzato – aggiunge Jose Antonio Vargas, giornalista e attivista statunitense in collegamento Skype – ma l’America non è solo bianca o nera, ora è anche latinoamericana e asiatica. Sarà una sfida vedere come queste contaminazioni si applicheranno all’identità americana, siamo a un terremoto senza precedenti”.

A scuotere ancora di più questo terremoto saranno le elezioni presidenziali del 2016. “Non si può prevedere nulla, vorrei essere più ottimista ma secondo me ci aspetteranno momenti molto miseri e spaventosi” commenta Kay Robinson. Più tecnica la visione offerta da Younge: “Il partito Repubblicano è sempre più paranoico perché si sta appellando a un elettorato bianco ch si sta riducendo, mentre il partito Democratico continua a dipendere dal voto degli afroamericani. L’unica cosa che potrà cambiare è cosa succede alla base: alcuni repubblicani sono disgustosi ma ci sarà alla fine una resa dei conti con i democratici”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERACinquant’anni dopo, il sogno è cambiato. “Io sogno di arrivare a un umanesimo globale militante che veda Michael Brown come il bambino siriano morto sulla costa turca, sono state le politiche razziste a uccidere quel bambino e queste politiche sono ovunque” rimarca Younge. “Il razzismo è un fenomeno globale – conferma Kay Robinson – e dovete pensare che il modo in cui trattate i neri a casa vostra ha ripercussioni su tutto il mondo”. Sulla stessa linea d’onda Wilkerson: “Abbiamo tentato di tutto e a questo punto non rimane che l’empatia, che non consiste nella pietà ma nella maniera che ci porta a vedere noi stessi nel prossimo”. Anche se quel prossimo è nero e magari migrante. Le connessioni con l’immigrazione sono stati molteplici durante tutto l’arco dell’incontro e molto sentite da Vargas che ha parlato di questo fenomeno come un “diritto umano”. Il dibattito si conclude proprio con le sue parole via Skype: “Non siamo stati capaci di affrontare la nostra stessa storia, abbiamo tantissimo lavoro da fare”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com