Ven 9 Dic 2022 - 1067 visite
Stampa

Incubo mareggiate sulla costa, è di nuovo allerta

La Protezione civile regionale mette in guardia da possibili fenomeni per la giornata del 9 dicembre. In alcune zone dell'Emilia-Romagna probabile gelicidio

Comacchio. E’ ancora rischio mareggiate sulla costa comacchiese. La Protezione civile dell’Emilia-Romagna ha infatti emesso una nuova allerta valida per la giornata di venerdì 9 dicembre di colore giallo (fenomeni intensi, localmente pericolosi).

Nello specifico, si legge nella nota della Protezione civile, risultano possibili fenomeni di erosione o di ingressione marina nel Ferrarese e nel Ravennate, zone già provate ormai da giorni da maerggiate intense e, nel caso di Lido di Volano, dalla rottura di un argine a mare che ha portato l’acqua a lambire la strada panoramica Acciaioli. Una situazione critica, quella della costa, che ha portato la Regione Emilia-Romagna a chiedere al Governo di deliberare lo stato di emergenza nazionale, con una prima stima dei dani che si aggira su alcune decine di milioni di euro.

L’allerta meteo riguarda anche il resto della regione e, escludendo Ferrara, risulta di colore arancione per vento nelle province di Forlì e Rimini, gialla per piene dei corsi minori, vento e pioggia che gela. Sono infatti previste piogge diffuse, che sulle aree appenniniche possono essere anche localmente di forte intensità e con accumuli moderati. Nelle prime ore della giornata le precipitazioni possono essere in forma nevosa o di acqua mista a neve a partire da quote collinari del settore occidentale, dove sono probabili anche locali episodi di gelicidio. I fenomeni sono previsti in attenuazione o in temporaneo esaurimento nel corso del pomeriggio o della sera. Si prevede inoltre un’intensificazione della ventilazione da Sud-Ovest sulle aree appenniniche centro-orientali fino a valori di burrasca moderata (62-74 km/h) e con rinforzi di burrasca forte (75-88 km/h) sulle aree appenniniche orientali. Sono possibili localizzati fenomeni franosi, ruscellamento sui versanti e innalzamenti dei livelli idrometrici nei corsi d’acqua, più probabili nel settore centro-occidentale collinare e montano, con possibili superamenti della soglia 1.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa