Mar 18 Ott 2022 - 1362 visite
Stampa

Biogas Villanova. Pronta una petizione: “Dal Comune ancora nessun aggiornamento”

Dopo il Consiglio Comunale e la promessa del vicesindaco Lodi di organizzare un incontro tra cittadini, Arpae e amministrazione, tutto tace. I cittadini preoccupati: "La zona sta sfuggendo al controllo e alla programmazione"

Una petizione per coinvolgere le frazioni vicine e dare la possibilità a tutti i cittadini di chiedere all’amministrazione comunale Fabbri più chiarezza e coerenza nelle scelte fatte finora per la costruzione della centrale biogas in via Ponte Assa.

È quanto stanno organizzando gli abitanti di Villanova che, dall’ultimo Consiglio comunale, quello in cui il vicesindaco Nicola Lodi aveva promesso un incontro tra residenti, tecnici Arpae e Comune, non hanno più avuto “nessun aggiornamento” sullo stato dell’arte del progetto.

Ma non solo. Hanno preso contatti col comitatoPer vivere meglio” costituito dai cittadini di Copparo-Tresignana per la centrale di Brazzolo e, nella giornata di venerdì scorso (14 ottobre), hanno chiesto formalmente un incontro a Gianni Michele Padovani, presidente della Provincia di Ferrara, per un confronto sulla questione.

Nel mentre, come avevano promesso qualche giorno fa, i cittadini non si danno per vinti. “Con questa petizione – spiega Sandra Travagli, portavoce del gruppo – chiediamo che il Comune si faccia subito promotore di un tavolo in cui intervengano a parlare la Provincia, la Regione e Arpa, per far in modo che venga rivisto e approfondito quanto sta succedendo. Inizialmente il Comune aveva votato contro alle varianti, per cui sembrava che di fatto avesse bocciato il progetto, ma si è scoperto che gli uffici comunali avevano già dato parere positivo“.

È il caso dell’ufficio Urbanistica e Viabilità, cui è preposto l’assessore Lodi: “Si tratta di una delle situazioni da verificare perchè non riusciamo a capire come sia stato calcolato il dato sul traffico e su come sia arrivato l’ok. Questo perchè abbiamo provato a localizzare le centrali più vicine a noi e quelle nei Comuni limitrofi che, se sommate alla realizzazione del progetto in via Ponte Assa, ci restituiscono un quadro molto rilevante e davvero impattante“.

Travagli si sofferma anche sulla necessità di estendere il discorso non solo a Villanova: “Chiamandola centrale di Villanova, si cancella tutta la realtà territoriale fatta di borgate, frazioni e case sparse, come in tutta la campagna ferrarese. C’è tutto un tessuto urbanizzato che va ben oltre a quello che oggi si prende solo in considerazione. È tutta la zona che oggi sta sfuggendo al controllo e alla programmazione. Il dimezzamento di cui parla Lodi sembra quasi un premio, ma per noi resta una centrale enorme. Che sia al 100% o al 50%“.

Prima di chiudere, la portavoce dei cittadini ci tiene però a precisare: “Non vogliamo essere tacciati come quelli insensibili ai bisogni, o come quelli che vogliono tenere bloccato un investimento importante per garantire il rifornimento energetico a livello nazionale in un momento di grave crisi per il prezzo dell’energia. Ma il progetto è veramente vicino alle case, troppo vicino e troppo impattante in una maniera non accettabile per noi. Ma che ci infastidisce è soprattutto la scarsa programmazione, il voler costruire in deroga agli strumenti urbanistici e la difficoltà a capire quali saranno le influenze sul nostro territorio. Quindi, o il Comune ci dà risposta o il rischio è di rimanere sempre in balia degli eventi, senza sapere quale futuro ci toccherà“.

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa