Gio 29 Set 2022 - 11623 visite
Stampa

Pallamano nel caos, intervengono i Carabinieri

Contesa sull'uso del Palaboschetto tra Handball Estense, Ariosto Pallamano e Ferrara United che si ritrovano allo stesso orario in palestra. L'Ariosto formalizzerà denuncia per violazione della determina comunale di assegnazione degli spazi

Non c’è pace nel mondo della pallamano estense e ancora una volta ad arrivare ai ferri corti sono state le due società rivali che praticamente da maggio sono in lite per motivi diversi, fra i quali l’utilizzo delle palestre: l’Handball Estense di cui è presidente la consigliera comunale Annalena Ziosi (del gruppo Prima Ferrara con Alan Fabbri) e l’Ariosto Pallamano del presidente Maurizio Magri. Con l’aggiunta, in questo caso e suo malgrado, del Ferrara United. Ed è proprio sull’utilizzo degli spazi, nella fattispecie quelli del Palaboschetto di via Boschetto, che ieri 28 settembre si è consumato l’ennesimo grave episodio fra le società, cioè una contesa sull’utilizzo della palestra che ha richiesto l’intervento dei Carabinieri e che sfocerà nella formalizzazione di una denuncia.

Ma veniamo ai fatti. L’Ariosto Pallamano alle ore 16.30 avrebbe dovuto giocare un’amichevole con la propria formazione femminile under 17 contro la seconda selezione maschile (serie B) del Ferrara United. A quell’ora però si è verificata una sorta di incursione, si sono sono cioè palesati in campo anche i giovani dell’Handball Estense, occupando quindi di fatto uno spazio orario che era invece assegnato al Ferrara United in base a una determina comunale. Inevitabile lo scontro verbale tra i dirigenti delle due società. Erano presenti inizialmente il marito di Annalena Ziosi, poi la stessa consigliera giunta in seguito, oltre al capogruppo di Prima Ferrara con Alan Fabbri Benito Zocca (per motivi che immaginiamo siano legati allo scoppio del caso politico dei mesi scorsi), oltre al presidente dell’Ariosto Pallamano Maurizio Magri e i dirigenti del Ferrara United. Sono volate parole grosse e alla fine è stato richiesto l’intervento dei Carabinieri che hanno raccolto la versione delle tre società. L’Handball Estense sosterrebbe di aver inviato una mail al Comune chiedendo di poter utilizzare il Palaboschetto in quell’orario, interpretando l’assenza di una risposta come una sorta di ‘silenzio assenso’. L’Ariosto Pallamano ovviamente non ci sta e già oggi potrebbe formalizzare una denuncia ai Carabinieri con i ‘rivali’ per aver violato un atto amministrativo, cioè la determina comunale che assegna spazi e orari alle società. Non farà lo stesso, almeno per il momento, il Ferrara United, che in un suo comunicato ufficiale considera il comportamento dell’Handball Estense “una ‘boutade’ che speriamo rimanga unico precedente isolato, per modalità e realizzazione: dovessero, al contrario, ripresentarsi medesimi incidenti, la proprietà non esiterà a rivolgersi a legali competenti, al solo scopo di far rispettare un provvedimento emanato dagli organi competenti”.

“Il motivo per il quale gli occupanti asserivano di essere dalla parte della ragione, imponendo peraltro come soluzione la generale traslazione “in avanti” di tutti gli orari della giornata – spiegano ancora dal Ferrara United – era da ricondurre all’impossibilità di allenarsi nell’orario a loro ascritto (15 – 16.30) per motivi del tutto estranei alla società Ferrara United. Un precedente pericoloso, che va a ledere l’attività di minori, che ha imposto un triste “siparietto” a chi nulla c’entra con dinamiche organizzative e che ha invalidato un provvedimento ufficiale deliberato dai massimi organi di governo della città e, nella fattispecie, dal gestore dell’impianto stesso”.

L’amichevole-allenamento fre le due squadre, una quarantina di giovani, alla fine si è trasformata nell’allenamento in una sola metà campo, con l’altra metà occupata dall’Handball Estense.

Gli atleti e le atlete di Ariosto Pallamano e Ferrara United ieri al Palaboschetto

Una diatriba, quella tra l’Ariosto e l’Handball Estense, iniziata con l’aggressione di Annalena Ziosi all’allenatrice dell’Ariosto nel corso di una partita a maggio, divenuta in seguito un caso politico e proseguito con l’aggravarsi degli attriti fra le due società. Il presidente Maurizio Magri accusa l’Handball Estense di “prepotenza” alludendo a una sorta di conflitto di interessi della Ziosi tra politica e sport: “Siamo stanchi del fatto che questi giovani atleti debbano assistere da tempo a questo scempio. Questo non è sport, è prepotenza. C’è una determina che va rispettata. Fra l’altro fa pensare che in questa determina gli spazi assegnati alle società siano così sbilanciati a favore dell’Handball Estense: ha 15 spazi con sole tre categorie regionali, mentre noi che partecipiamo a un campionato nazionale e abbiamo 12 categorie abbiamo in concessione solo 10 spazi e il Ferrara United, che pratica un campionato nazionale e ha due categorie, ha sette spazi. Non vi sembra che qualcosa non quadri?”

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa