Gio 22 Set 2022 - 563 visite
Stampa

Fiera Santa Croce, accuse infondate a Comacchio Soccorso

Spett.le Redazione,

scrivo in nome e per conto della Pubblica Assistenza Comacchio Soccorso, per rappresentare quanto segue con riferimento all’articolo pubblicato in data 16.9.2022 dal titolo “Edizione record per la Fiera di Santa Croce”.

Le accuse mosse nei confronti di Comacchio Soccorso sono del tutto infondate, essendo stati pienamente rispettati gli impegni assunti nei confronti della amministrazione comunale.

Gli accordi infatti erano nel senso che Comacchio Soccorso avrebbe messo a disposizione una ambulanza da far stazionare, unitamente a due autisti soccorritori abilitati, “presso il campo sportivo ex salesiani”, ovvero presso quella che nell’ambito dell’evento fieristico era considerata l’“Area Concerti” o “Area Spettacoli”.

Ed in effetti la ambulanza è rimasta a disposizione presso quella area per tutta la durata degli eventi che lì si sono svolti nei giorni della Fiera e anche in data 13 settembre ultimo scorso, giorno in cui gli operatori si sono allontanati solo verso le ore 00.45, quando l’area concerti è stata chiusa.

La ambulanza si trovava quindi ancora nei pressi quando si sarebbe verificato il malore di cui si tratta nell’articolo di giornale e se la chiamata fosse stata tempestiva, gli operatori sarebbero immediatamente intervenuti. D’altra parte eventuali carenze sotto il profilo organizzativo non possono certo essere addebitate alla associazione Comacchio Soccorso, i cui operatori hanno sempre garantito il servizio concordato.

Nella convinzione di aver contributo con la presente ad una maggiore comprensione dei fatti accaduti la sera del 13 settembre scorso, ringrazio per lo spazio che Vorrete dedicare a questa mia lettera.

Distinti saluti

Avv. Dario Bolognesi

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa