Ven 26 Ago 2022 - 1996 visite
Stampa

Gru crollata, si allungano i tempi: la difesa Tassi chiede l’incidente probatorio

Stop alla consulenza della procura e rimozione del macchinario più lontana. Gli sfollati verranno ospitati per un'altra settimana in albergo

La riserva di incidente probatorio avanzata dalla difesa della Tassi farà allungare i tempi per la rimozione della gru crollata sulle villette a schiera di Boara durante il fortunale del 17 agosto. Per quel crollo sei persone sono indagate per disastro colposo.

La richiesta – che comporterà probabilmente la nomina di un perito da parte del giudice delle indagini preliminari – è stata fatta ieri mattina (giovedì 25 agosto) prima che la pm Isabella Cavallari conferisse l’incarico per la consulenza tecnica che avrebbe voluto disporre sui motivi che hanno portato al crollo del macchinario e sulle responsabilità. Accertamenti ritenuti irripetibili, da qui la possibilità di chiedere di anticipare la formazione della prova a prima dell’eventuale processo, cristallizzando nel contraddittorio tra le parti lo stato delle cose.

Per il momento, in attesa che alla riserva segua l’effettiva richiesta di incidente probatorio, tutto rimane fermo, niente ancora può essere toccato.

“Una richiesta che purtroppo rallenterà l’inizio delle operazioni peritali – spiega l’avvocato Denis Lovison, che assiste alcuni nuclei familiari attualmente fuori casa per il pericolo crolli -. Non possiamo impedirlo, però creerà ulteriori ritardi alle persone sfollate”. Per il momento chi non ha trovato una soluzione alternativa rimarrà ospite dell’Hotel Touring fino al 4 settembre: “Ma stiamo lavorando con la Protezione civile per trovare altre sistemazioni”, afferma ancora il legale.

“Ci stiamo battendo perché le cose vengano svolte nella maggiore celerità possibile a tutela di coloro che sono costretti a vivere fuori casa e a subire le conseguenze negative di questo trasferimento forzato – aggiunge l’avvocato Luca Tieghi, che assiste uno dei nuclei familiari danneggiati -. Per fortuna nessuno si è fatto male, ma bisogna anche considerare il nocumento strutturale e i danni arrecati dal crollo. Ora si vanno a ricercare le motivazioni della caduta, ma rimane aperto il capitolo della quantificazione del danno, per il quale verrà nominato un esperto”.

Sempre la difesa di Giuseppe Tassi, indagato quale legale rappresentante dell’omonimo gruppo che aveva l’appalto del cantiere e noleggiato la gru, e del suo preposto Abdelkarim Zahir, tramite l’avvocato Gabriele Riatti (in sostituzione dell’avvocato Giulio Garuti) ha chiesto che venga coinvolto negli accertamenti anche il costruttore della gru, ovvero l’azienda francese Potain.

Gli altri indagati sono, lo ricordiamo, Tenno Cavallari, Giuseppe Coppola e Jamal Mgoune dell’impresa di costruzioni Edil Scot Srl di Finale Emilia (difesi dall’avvocato Paolo Pincelli, sostituito ieri dalla collega Debora Borghi) e, infine, Vincenzo Bassi della Res Omnia Srl di Imola, la società che ha fornito la gru (avvocato Carlo Dalla Vecchia), e cha ha già presentato un progetto operativo per la rimozione del macchinario.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa