Ven 24 Giu 2022 - 1045 visite
Stampa

Processo Bergamini, i compagni chiamavano Internò “la vedova allegra”

Nuova udienza a Cosenza. Il testimone ricorda la telefonata di Isabella che, con calma, gli raccontò che Denis si era suicidato

“La vedova allegra”, perché era sempre sorridente e felice. Così i compagni di squadra di Denis Bergamini, dopo la sua morte, chiamavano la sua ex fidanzata, Isabella Internò, oggi imputata per l’omicidio del calciatore avvenuto nel novembre del 1989 in provincia di Cosenza.

A raccontarlo, nell’udienza di ieri, giovedì 23 giugno, alla corte d’assise cosentina, è stato Giuseppe Maltese, ex massaggiatore della squadra e amico di Bergamini. Sempre Maltesi ha raccontato di aver trovato Bergamini molto pensieroso nel suo ultimo giorno di vita, sia in camera, che quando lo portò al cinema, che dentro il cinema, dove, nonostante lui frequentasse la sala da molti anni ormai, a un certo punto gli chiese dov’era il bagno.

Maltese ha raccontato anche che si recò all’obitorio e notò che il volto di Denis era perfettamente integro, tranne un leggero graffio sul sopracciglio destro e un bernoccolo sulla tempia destra. Si interessò ai vestiti, che non si trovavano, ma venne invitato a farsi gli affari propri. Poi il giorno dei funerali, insieme alla squadra c’era anche la Internò che piangeva, spuntò un sacco della spazzatura, con dentro delle scarpe di Bergamini. La ragazza, ha detto il teste, smise di piangere e chiese di averle, ma poi, dopo averne visto il modello cambiò idea.

L’altro testimone, Francesco Marino, ex compagno di squadra di Donato ha raccontato che dopo la morte del centrocampista argentano ricevette una telefonata al motel Agip dove alloggiava la squadra, nella cabina telefonica, come accadeva al tempo. Nel tragitto tra la sua camera e la cabina incontrò Gigi Simoni, il portiere, che gli disse che era successa una tragedia. Al telefono c’era Isabella Internò: gli disse, con voce molto calma, che Denis si era suicidato, descrivendo la scena del tuffo al passaggio del camion. Non sa spiegarsi perché la donna lo chiamò. Sempre Marino ha confermato che l’ultimo giorno di vita di Bergamini, la mattina, incrociò Internò, le chiese come stava e lei rispose che sapeva che era stata lasciata e che doveva rifarsi una vita, ma era difficile.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa