Gio 26 Mag 2022 - 991 visite
Stampa

Arriva il “Discobus” per andare a divertirsi in sicurezza

Dall'11 giugno sarà attivo il servizio di trasporto notturno per i giovani messo a punto in via sperimentale da Ami e Provincia

(archivio)

Andare a divertirsi e avere la certezza di un trasporto ‘sicuro’. Questo lo spirito del progetto sperimentale “Discobus” messo a punto da Ami e Provincia di Ferrara per rispondere alla richiesta dei Comuni del territorio estense. Si tratta di servizio di trasporto via autobus di ragazze e ragazzi verso i luoghi del divertimento lungo la costa.

“Abbiamo voluto raccogliere – spiegano l’amministratore unico di Ami, Antonio Fiorentini, e il presidente della Provincia, Gianni Michele Padovani – una precisa segnalazione dei Comuni, per rispondere a una richiesta di sicurezza per ragazze e ragazzi e per le loro famiglie”.

A partire da sabato 11 giugno, primo sabato dopo la fine della scuola, e fino al 6 agosto, per nove sabati consecutivi un autobus partirà da Portomaggiore, poi Argenta fino a Marina di Ravenna; un secondo da Ferrara a Lido di Spina, passando per Voghiera e Masi San Giacomo; un terzo coprirà il tragitto Cologna, Copparo, Tresignana, Massa Fiscaglia, San Giovanni di Ostellato, Comacchio sino al Lido di Spina; un ultimo bus percorrerà il tragitto da Goro, Codigoro, Lagosanto fino a Lido di Spina, transitando per il Lido delle Nazioni.

A bordo, oltre al conducente, ci sarà anche un accompagnatore.  Gli orari sono uguali per tutte e quattro le linee: partenza andata ore 22:30, partenza ritorno 4,30 del mattino seguente.

Il costo di una corsa – comprensivo di andata e ritorno – è di 5 euro. Il biglietto sarà acquistabile tramite la app Roger gestita da Tper.

Il servizio sarà espletato da operatori privati aderenti al Consorzio Fem con bus ecocompatibili quanto ad emissioni, a 49 posti tutti a sedere.  La durata di una singola corsa sarà di circa di un’ora, nel caso di partenza da uno dei “capolinea”, fino all’ultima fermata. Il costo complessivo del servizio è coperto dai Comuni che hanno aderito all’iniziativa e da uno stanziamento della Regione.

“Un progetto – commenta Antonio Fiorentini – pensato e realizzato per le ragazze e i ragazzi che ne vorranno fruire e se incontrerà il loro gradimento c’è la prospettiva di renderlo strutturato per i prossimi anni e magari estenderlo anche ad altre serate”.

“Siamo grati ai sindaci del territorio – aggiunge il presidente Padovani – grazie ai quali abbiamo messo a punto un servizio che vuole rispondere a una domanda di sicurezza diffusa, della quale come rappresentanti istituzionali abbiamo ritenuto giusto farci interpreti, dando una risposta concreta e in tempi brevi”.

“Il tema del trasporto degli studenti – conclude Veronica Tomaselli, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale – è stato sempre al centro delle nostre attenzioni e dei tavoli di lavoro istituzionali. La pandemia, in particolare, ha evidenziato ancora di più la necessità di porre la giusta attenzione su questa tematica. La sinergia e la collaborazione tra le diverse Istituzioni ha, poi, permesso di garantire con sempre maggiore efficacia ai nostri studenti e alle nostre studentesse condizioni di sicurezza durante il trasporto. L’iniziativa che viene presentata e per cui voglio esprimere parole di ringraziamento, riecheggia proprio quel senso di responsabilità e quella costante attenzione che caratterizza il lavoro delle Istituzioni sempre attente e in sintonia con le esigenze dei nostri giovani”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa