Sab 26 Mar 2022 - 205 visite
Stampa

Santa Maria in Vado festeggia gli 850 anni del ‘miracolo del Prodigioso sangue’

Il 28 marzo celebrazione solenne, con l’emissione di un francobollo e un annullo filatelico dedicati

di Lucia Bianchini

A ottocentocinquanta anni dal ‘miracolo del Prodigioso sangue’ la parrocchia di Santa Maria in Vado festeggerà, lunedì 28 marzo, con una celebrazione solenne e con l’emissione di un francobollo e un annullo filatelico dedicati. Ne parlano monsignor Massimo Manservigi, vicario generale, don Fabio Ruffini, rettore del santuario e Barbara Negroni, referente centro nord filatelie di Poste Italiane.

L’evento è la conclusione dell’anno celebrativo del miracolo: la celebrazione, che si terrà alla 20,30 e sarà trasmessa anche in streaming, sarà officiata da monsignor Erio Castellucci, vice presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

“È stato fatto un lavoro grande – sottolinea don Massimo Manservigi – per questo avvenimento, che per noi è il cuore della fede così come è stato fatta una inaugurazione dell’anno giubilare in modo solenne. Giovanni bottega, coordinatore del comitato delle celebrazioni si è prodigato sotto tutti gli aspetti, soprattutto organizzativi, per questo anno giubilare e per il santuario. Evidentemente è stato un anno importante, è un momento di bilancio, moltissime iniziative, coinvolgendo persone e realtà ecclesiali e non, sono venuti molti turisti. I francobolli sono la traccia della nostra storia, è un segno tangibile di storia, e questo intreccio per noi è fondamentale”.

“Il 28 marzo – spiega don Fabio Ruffini- saranno 851 anni dal miracolo eucaristico, con cui si chiude l’anno giubilare. Sarà presente il vicepresidente della Cei, referente per l’Italia del cammino sinodale, che il Papa ha voluto iniziare, invitato per aiutarci a cogliere il collegamento tra eucarestia e questo cammino sinodale. La celebrazione solenne sarà animata dalle corali della diocesi, sotto la guida di don Paolo Galeazzi. Alcuni autori hanno scritto un nuovo inno dedicato al miracolo che sarà eseguito per la prima volta”.

“Per quanto riguarda l’anno – prosegue il sacerdote -, è impossibile elencare tutto quello che c’è stato, perché nonostante la pesantezza della pandemia e i momenti in cui è stato impossibile spostarsi, abbiamo avuto molti pellegrinaggi: la comunità greco cattolica ucraina, e pellegrinaggi da fuori zona, Ravenna, Bologna, Padova Firenze, o da fuori Italia, da Washington l’associazione degli amministratori delegati delle aziende americane, poi dall’Austria, dalla Slovenia. È esposta ora la mostra eucaristica promossa dalla pastorale giovanile, che potrà spostarsi per le parrocchie, e sono ancora in corso i lavori di ristrutturazione nel chiostro, che proseguiranno. Avremo, al termine del giubileo, un biennio pastorale eucaristico fino al giugno 2023, diffuso su tutto il territorio, e dedicato all’eucarestia, con altre manifestazioni, tra cui diversi concerti di musica sacra”.

Papa Francesco per mezzo della Penitenzieria Apostolica, il 24 febbraio 2021 ha concesso il dono straordinario dell’indulgenza plenaria in occasione dell’anno giubilare che si concluderà il 28 marzo per celebrare l’evento di grazia del miracolo eucaristico. Al termine della celebrazione pontificale del 28 marzo 2022 in Santa Maria in Vado mons. Erio Castellucci potrà impartire la solenne benedizione papale che porterà il dono giubilare dell’indulgenza plenaria non soltanto a tutti coloro che saranno presenti in basilica ma anche a tutti coloro che seguiranno la celebrazione in streaming o tramite altri mezzi di comunicazione sociale.

Il Ministero dello Sviluppo Economico emetterà inoltre un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il  Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato alla Basilica di Santa Maria in Vado, in cui per la prima volta su un francobollo non sarà raffigurata la facciata della chiesa, ma un dettaglio interno. Fuori dalla chiesa sarà presente in concomitanza della celebrazione un ufficio postale mobile, dalle 18,30 alle 20,30.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa