Dom 22 Nov 2020 - 6558 visite
Stampa

Presa la banda dell’assalto al bancomat di San Carlo

La fuga dopo il colpo è durata pochissimo, i carabinieri arrestano sei italiani: nelle auto trovato l'esplosivo, le maschere, i soldi del bottino e i chiodi per impedire gli inseguimenti da parte delle forze dell'ordine

È durata pochissimo la fuga della banda che nella notte tra venerdì e sabato ha fatto saltare il bancomat della CariCento a San Carlo, nel territorio di Terre del Reno.

Sempre nella notte i carabinieri del Nucleo investigativo di Bologna hanno arrestato sei italiani per concorso in furto aggravato, fabbricazione, detenzione e porto in luogo pubblico di esplosivi.

I militari felsinei si sono messi sulle tracce dei malviventi non appena sono stati informati dai colleghi del Comando provinciale di Ferrara proprio a seguito dell’intervento per il colpo allo sportello Atm di via Risorgimento. La notizia è stata diramata a tutte le pattuglie dell’Arma impegnate nei servizi notturni di controllo per il contenimento dell’emergenza epidemiologica.

Il massiccio impiego di militari non ha lasciato scampo ai sei che sono stati intercettati pochi minuti dopo a bordo di un paio di auto, mentre stavano tentando di nascondersi nel tunnel di accesso ai garage condominiali di una palazzina di Trebbo (Bologna).

Sottoposti a una perquisizione, sono stati trovati in possesso della refurtiva, pari a 34.725 euro in contanti, tre congegni esplosivi, comunemente conosciuti come “marmotte”, 2 kg di “Ammonal”, esplosivo composto da nitrato di ammonio, polvere di carbone e polvere di alluminio, maschere, materiale adatto al confezionamento degli esplosivi e chiodi artigianali a quattro punte, utilizzati dai criminali durante la fuga per forare gli pneumatici delle auto delle forze dell’ordine.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, i sei sono stati trasferiti in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa