Dom 25 Ott 2020 - 559 visite
Stampa

Per Berco è ora di svegliare le coscienze

È appena terminata l’ennesima vertenza della Thyssenkrupp Berco di Copparo con un “accordo ponte” che scadrà tra due anni.

L’andamento della situazione in Berco obbliga tutti, dal cittadino alle Istituzioni, ad una profonda riflessione che non può più essere merce accademica fine a se stessa, piuttosto mezzo per arrivare a soluzioni e strategie utili ed efficaci.

Le richieste della Thyssenkrupp Berco erano: la perdita del livello di contrattazione aziendale con applicazione del contratto collettivo nazionale.

Questo significava perdita di risorse, impoverimento dei lavoratori e conseguente impoverimento di tutto il territorio.

Meno, molti meno soldi per gli operai Berco significava pochissimi soldi riversati nelle altre attività del territorio.

Ancora, siamo passati attraverso tre violente ristrutturazioni aziendali che hanno portato da quasi 3000 dipendenti agli attuali 1400. Quanto ancora bisognerà pagare in termini di lavoratori che perdono il posto di lavoro con l’incubo e il miraggio di ritrovare una ricollocazione? Possiamo invece tentare di non disperdere un patrimonio costituito dal ciclo produttivo interno per evitare inutili ristrutturazioni e poi pagare in efficienza e qualità del lavoro, con immaginabili conseguenze? Copparo vive di Berco, lo si voglia ammettere, e così molti Comuni limitrofi anche del vicino Rodigino. Si vuole attuare una strategia, un’azione congiunta che svegli le coscienze e porti ad una battaglia seria ed organizzata per evitare il peggio per Berco?

Oppure assisteremo alla solita iniziativa al termine del tempo concesso (2022) nei minuti di recupero, ammirando la grandezza di quello che è stato un grande complesso industriale capace di dare solidità e serenità a tante di famiglie.

Chiedo al sig. Sindaco di Copparo che tra due anni sarà ancora in carica, se riuscirà a garantire questo passaggio, se stia pensando a strategie politiche per mettere fin da subito Berco al centro della discussione Politica.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa