Gio 22 Ott 2020 - 70 visite
Stampa

Da Europa Verde interrogazione per l’istituzione del Parco Nazionale Delta del Po

Silvia Zamboni sollecita la giunta regionale ad attivarsi: “Si tratta di un habitat unico al mondo”

Il gruppo Europa Verde ha depositato un’interrogazione per chiedere alla giunta regionale quali azioni intenda mettere in campo per valorizzare un habitat unico al mondo quale è il territorio regionale compreso nel Parco del Delta e se al tal fine intenda riavviare al più presto il dialogo con la Regione Veneto per avviare finalmente la realizzazione del Parco Unico del Delta del Po.

L’area del Delta del Po rappresenta l’ambiente umido più importante d’Italia e tra i più rilevanti d’Europa: si caratterizza infatti per paesaggi unici, l’estensione di canneti e valli d’acqua, l’abbondanza e varietà della fauna e più in generale per la ricchezza di biodiversità. Non a caso quest’area è entrata a pieno diritto nella Rete delle riserve ‘Uomo e Biosfera’ MaB Unesco.

Amministrativamente l’area MaB del Delta del Po comprende territori sia del Veneto sia dell’Emilia-Romagna per una superficie complessiva che riguarda poco meno di 140.000 ettari, il 40% circa dei quali in Emilia-Romagna.

Con una legge regionale, nel 1988 la Regione Emilia-Romagna ha istituito il Parco Naturale Regionale del Delta del Po, mentre la Regione Veneto ha fatto lo stesso, per il proprio territorio, nel 1997. Dopo un lungo iter di confronto con la Regione Veneto e lo Stato, si è giunti alla modifica apportata nel 2017 alla legge nazionale 394/91, che prevede l’istituzione “d’intesa con le regioni Veneto ed Emilia-Romagna” del Parco del Delta del Po, comprendente le aree dei due precedenti parchi regionali.

“La gestione unitaria di questo territorio, col dovuto coinvolgimento delle comunità e delle Istituzioni locali – afferma Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell’assemblea legislativa – consentirebbe un approccio uniforme e una progettualità coordinata e di più ampio respiro, oltre a potere contare su maggiori risorse economiche ed umane, necessarie ad un presidio puntuale ed efficace di un habitat unico al mondo. Mi aspetto quindi che la giunta e l’assessorato competente, d’intesa con la Regione Veneto, si attivino per compiere ogni atto formale necessario per giungere al più presto alla istituzione del Parco Unico del Delta del Po”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa