Gio 1 Ott 2020 - 14 visite
Stampa

Comune e Avis insieme per far donare gli universitari

Raggiunti migliaia di studenti nella mailing-list. Balboni: "Massima collaborazione per sostenere le attività di volontariato nel mondo universitario"

Comune e Avis insieme per coinvolgere i giovani sviluppando progetti comuni rivolti ai giovani, soprattutto sui temi delle matricole universitarie. Per raggiungere questi obiettivi una delegazione di Avis Ferrara è stata accolta nella sede del municipio mercoledì 30 settembre dall’assessore comunale ai Rapporti con l’Università di Ferrara Alessandro Balboni.

“Il volontariato – spiega il presidente dell’Avis comunale di Ferrara Sergio Mazzini – è una forma di partecipazione alle attività della città, nel caso dell’Avis in particolare per quanto riguarda gli aspetti della tutela della salute e come forma di stimolo a un corretto stile di vita nel segno della solidarietà e dell’accoglienza”.

Per questo “diventa strategico il contributo della popolazione più giovane, come i ragazzi iscritti alla nostra università, che vengono numerosi anche da tante altre città. È tra i nostri obiettivi contribuire a far sì che gli studenti fuori sede non si sentano soli, ma possano contribuire a sviluppare progetti condivisi”.

Ecco allora il ruolo dell’amministrazione comunale come tramite per portare avanti questi obiettivi. “La delegazione – racconta l’assessore Balboni – ha presentato un panorama positivo dell’attività associativa,sebbene abbia subito una flessione a causa della difficoltà dovute all’emergenza sanitaria”.

I dati che sono attualmente a disposizione sulle donazioni sono complessivamente soddisfacenti e “consentono un certo ottimismo nonostante il periodo particolarmente complicato – prosegue Balboni -. Questo non vuol dire che si debba abbassare la guardia. L’Avis Ferrara è infatti attualmente impegnata su diversi fronti e, in particolare, si sta avvicinando al mondo dell’università”.

Tramite comunicazioni ufficiali diramate da Unife sono stati raggiunti migliaia e migliaia di studenti nella mailing-list in modo da ricordare loro che è possibile continuare a donare e che il centro è aperto e vuole mantenere attenzione sui giovani e sugli studenti. Ed è in questo che si inserisce la collaborazione del Comune di Ferrara e dell’assessorato all’Università.

“È infatti è nostra intenzione fornire tutti gli strumenti adatti affinché gli studenti universitari che ospitiamo nel nostro comune possono inserirsi appieno nelle attività di volontariato e sicuramente la donazione di sangue è tra queste” conclude l’assessore, assicurando che “daremo la massima collaborazione e massima disponibilità affinché venga raggiunto questo obiettivo sia con azioni di sensibilizzazione che con azioni concrete”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi