Gio 16 Lug 2020 - 310 visite
Stampa

La vittima di Igor attende di poter riconoscere la sua voce

Alessandro Colombani, rapinato e massacrato a Villanova di Denore, chiamato al confronto vocale. Richiesta la registrazione alla procura spagnola

Alessandro Colombani

Il processo a carico di Igor il russo, ovvero Nobert Feher, per le rapine compiute dalla sua banda nell’estate 2015 si gioca sul filo… di voce. Dopo la testimonianza dei complici Ivan Pajdek e Patrik Ruszo – che accusano il killer serbo ormai pluriergastolano di aver partecipato ai violenti colpi del 2015 a Villanova di Denore, Mesola e Coronella – si attende quella che parrebbe essere una prova schiacciante: la ricognizione vocale.

Dovrà essere Alessandro Colombani, vittima insieme alla madre della brutale rapina avvenuta il 26 luglio nella sua abitazione a Villanova di Denore come unica parte civile a processo e unico testimone diretto, a riconoscere la voce di Igor. “È la sua voce, la riconosco tra mille” aveva confessato tra le lacrime durante l’udienza a febbraio nel ripercorrere quel tremendo pestaggio.

Ora, però, serve il riconoscimento vocale. Si sarebbe dovuto svolgere nell’udienza di mercoledì 15 luglio ma la procura spagnola ha richiesto un atto istruttorio europeo per acquisire la registrazione della voce di Feher, difeso dall’avvocato Gianluca Belluomini e detenuto nel carcere di Teixeira in Galizia. Il presidente del tribunale ha quindi inoltrato il provvedimento formale alla procura di Coruña che invierà l’ordine al direttore del carcere per far registrare la voce del detenuto.

“Hai qualcosa in casa”, “dacci il pin (del bancomat, ndr) o ti massacriamo” sono le minacce in italiano, con accento dell’est, che Colombani è sicuro siano state pronunciate da Igor mentre veniva massacrato di botte. Le stesse frasi che l’imputato dovrà ripetere per la registrazione, in cui sono già impresse le voci di Pajdek, Ruszo e di una terza persona, di origine serba, individuata dal pm Andrea Maggioni per una comparazione oggettiva. Non si esclude che venga acquisita una quinta voce: Colombani, assistito dall’avvocato Andrea Bulgarelli, dovrà ascoltarle tutte e individuare quella che l’ha terrificato.

La rogatoria inevitabilmente allungherà i tempi ma il confronto vocale è fissato per il 21 ottobre e, in caso si riesca a chiudere l’attività istruttoria, la sentenza è attesa per il 28 ottobre. Intanto sono stati sentiti due testimoni: un carabiniere e un agente della Squadra Mobile che hanno seguito le indagini.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi