Lun 13 Lug 2020 - 673 visite
Stampa

Di Biagio alza bandiera bianca: “Spal impaurita e frenata. Ora evitiamo l’ultimo posto”

Il tecnico biancazzurro analizza i limiti della propria squadra dopo la sconfitta con il Genoa: "La nostra stagione è cambiata dalla partita con il Milan. Per vincere partite così, bisogna fare di più"

(foto di Paolo Rattini)

di Davide Soattin 

La stessa Spal spenta, confusionaria e svuotata di qualsiasi stimolo delle ultime due gare perde anche quella che sarebbe potuta essere la sfida della dignità ritrovata, cedendo di fatto il passo a un Genoa decisamente molto più motivato e affamato che la batte per 2 a 0 e fa suoi tre punti decisivi nella lotta per la salvezza.

Al termine dell’incontro, il tecnico biancazzurro Gigi Di Biagio si è soffermato ad analizzare gli aspetti e i motivi che hanno portato alla terza sconfitta consecutiva in altrettante gare, condannando la sua squadra a una retrocessione in B sempre più vicina: “Si poteva fare di più e dovevamo giocare meglio. Non possiamo guardare la classifica e abbiamo ora bisogna di trovare degli stimoli per poter cercare di migliorare una situazione difficoltosa. Ad oggi, dobbiamo provare a non arrivare ultimi perché sarebbe umiliante per quello che sta succedendo”.

E ancora: “Nel corso degli allenamenti, vedo quello che stanno facendo i ragazzi e non posso rimproverargli niente. Poi il campo dice tutt’altro. Dobbiamo alzare l’attenzione e provare a giocare meglio. Siamo impauriti, ci sentiamo frenati ed è una situazione davvero particolarissima, che sta nuocendo tantissimo al nostro campionato. Da quando è ripartita la nostra stagione, dopo la prima parte in cui siamo ritornati e abbiamo fatto bene, non siamo più riusciti ad imporre il nostro ritmo e il nostro gioco per una serie di motivi. Dalla partita con il Milan è poi cambiato il nostro torneo”.

L’allenatore ha concluso: “Basti pensare che contro la Sampdoria abbiamo fatto una buonissima gara, anche se è difficile poterlo dire dopo aver perso 3 a 0 e aver regalato tre gol. Oggi siamo andati leggermente meglio, ma comunque poco rispetto a quello che dobbiamo fare per vincere partite del genere. Queste sono sfide in cui per il caldo nessuno riesce a dare il ritmo e poi se al primo episodio prendi gol diventa tutto difficile. Al momento ci sentiamo frenati. Tunjov? L’ho fatto giocare perché sta facendo vedere potenzialità importanti, sta lavorando bene e farà strada”.

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi