Mar 2 Giu 2020 - 334 visite
Stampa

Grazie ai ragazzi e alle donne

Certe volte bisogna saper dire grazie.

Come state?

Io abbastanza bene, grazie.

I ragazzi?

Un po’ turbati: prima della chiusura totale dicevamo loro di uscire all’aria aperta e di smetterla con quel telefonino, che si sarebbero cotti il cervello.

Poi il contrario: dovete stare in casa, per avere contatti usate il cellulare; infine addirittura la scuola on line, ore ed ore ogni giorno davanti ad uno schermo…

Non diciamo mai più che i ragazzi non sono pronti a fare dei sacrifici, perché li hanno fatti eccome e il tempo che hanno perso non gli sarà mai più restituito: immaginate voi stessi a 13 anni e chiedetevi se sareste stati così disposti a rinunciare alle uscite, agli amici, ad un pomeriggio seduti su una panchina della piazza a chiacchierare o a scorrazzare in bicicletta per le strade, ridendo senza motivo.

Sinceramente mi pare che ai giovani non stia pensando nessuno; sono rimasti in casa per tutelare gli anziani, ma non vedo e non sento un sincero ringraziamento da parte nostra.

Ma tu, come stai?

All’inizio della pandemia non pensavo si arrivasse a questa situazione, credevo, come tanti, che fosse una cosa lontana da me, poi invece con le dirette TV della Protezione Civile e le dirette nazionali del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, mi sono reso conto che non eravamo dentro ad un videogioco o ad un film, stava accadendo realmente.

Un’intera generazione ci ha lasciato per colpa di questo maledetto virus.

Gli anziani sono importanti come i bambini, anzi, a un certo punto della vita terrena sono molto simili e si assomigliano pure.

A tutti quelli che ci hanno lasciato voglio dire, grazie per esserci stati, non siete morti da soli, tutta l’Italia era lì con voi.

E siamo arrivati al 2 Giugno, Festa della Repubblica: il 2 Giugno è una festa di popolo, il 2 giugno del 1946 si recano alle urne per la prima volta anche le donne, sembra impossibile che abbiano esercitato il diritto di voto solamente 74 anni fa, ma con la loro tenacia e senza mai perdere la speranza sono riuscite a ripartire, come dobbiamo fare noi oggi. Ringraziamo anche loro, che spesso hanno pagato un prezzo altissimo in questo periodo e sono state costrette nelle mura domestiche, dalle quali hanno tanto lottato per uscire.

Cominciamo da qui, festeggiamo la ripartenza e la Repubblica, che guarda caso sono tutte parole femminili, senza mai dimenticare che dire un “grazie” non costa niente e non è faticoso pronunciarlo.

Grazie.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi