Dom 24 Mag 2020 - 2664 visite
Stampa

Un finto testamento di Cinzia Fusi per tentare di truffare il parroco

Quattro persone denunciate dai carabinieri: si erano inventate un lascito da 40mila euro a favore della parrocchia da parte della ragazza uccisa dall'ex compagno. Ancora nei guai Cristiano Perini

Berra. Cristiano Perini. Ancora lui, il truffatore seriale dei preti. Questa volta, insieme ad altri tre complici, si è spinto però troppo oltre cerando di raggirare il parroco di Berra con un finto testamento di Cinzia Fusi, la ragazza 34nne uccisa a Copparo il 24 agosto dello scorso anno dall’ex compagno e datore di lavoro Saverio Cervellati.

Nella giornata di venerdì i carabinieri della stazione di Berra hanno denunciato tutti i complici per tentata truffa in concorso.

A dare il via alle indagini, a settembre, è stato lo stesso don Francesco Pio Morcavallo denunciando ai carabinieri un tentativo di truffa, a opera di ignoti, ai danni propri e della parrocchia.

Il sacerdote ha riferito di essere stato contattato da un sedicente direttore di banca e, successivamente, da un sedicente notaio, che gli avevano detto di avere in mano un testamento, consegnato tempo addietro da Cinzia Fusi nel quale c’era scritto che la ragazza aveva deciso di donare 40.000 euro alla parrocchia di Berra.

Gli interlocutori avevano spiegato al sacerdote che, dovendo istruire la pratica relativa al lascito, necessitavano urgentemente del 7,5 % della somma per procedere al pagamento di bolli e oneri vari, da saldare con un bonifico bancario a un Iban che gli avevano comunicato.

Il sacerdote, insospettito soprattutto della pressione esercitatagli dai due sedicenti professionisti per il versamento di 3.000 euro, ha chiesto loro un incontro al fine di pagare eventualmente in contanti la somma richiesta. I due anonimi interlocutori, però, con la scusa della trasparenza bancaria e della normativa contro il riciclaggio, gli hanno detto che non potevano accettare denaro contante e che, pertanto, era necessario procedere con estrema urgenza a effettuare il bonifico bancario, suggerendo al parroco di anticipare la somma utilizzando il suo conto corrente privato, così dopo pochi giorni avrebbe ricevuto un loro bonifico dell’importo di 40.000 euro.

Il sacerdote, avendo capito l’inganno, si è fiondato dai carabinieri che venerdì hanno concluso le indagini individuando Perini, 50 anni, notissimo truffatore seriale – che si sarebbe spacciato per il notaio – e altre tre persone intestatarie di conti correnti e utenze telefoniche utilizzate dal truffatore.

Perini, noto anche come il falso don Domenico Bedin, nei giorni scorsi era stato denunciato per ricettazione dalla Squadra mobile della polizia che ha trovato in casa sua un timbro della parrocchia di Pontelagoscuro, dove officia don Silvano, fratello di don Domenico.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi