Sab 15 Feb 2020 - 1336 visite
Stampa

Amp Recycling condannata a pagare gli arretrati

Per la mancata adesione al Fondo Enfea. Filctem: “Grande soddisfazione per la sentenza del tribunale

Fausto Chiarioni, segretario della Filctem

Una recente sentenza del Tribunale di Ferrara si è pronunciata nella controversia tra la ditta Amp Recycling e i lavoratori che, con la Filctem di Ferrara, sono dovuti ricorrere al giudice per vedersi riconoscere un diritto contrattuale.

L’azienda di riciclo di materiali di plastica fa parte del gruppo Ilpa, con una settantina di dipendenti e stabilimenti a Bologna e Ferrara. Dal 2013 al 2017 non ha aderito al Fondo Enfea (nato per garantire prestazioni aggiuntive e parte del salario differito), che si occupa di welfare per tutti i lavoratori compresi nei contratti Confapi.

La sentenza ha invece stabilito il pagamento ai lavoratori di tutti gli arretrati per il periodo nel quale l’azienda non ha aderito al fondo, rigettando le opposizioni avanzate da Amp Recycling.

Attraverso decreti ingiuntivi, i lavoratori hanno ottenuto che venisse compensata la mancata adesione in questi cinque anni, attraverso l’elemento retributivo aggiuntivo, con il risarcimento di 25 euro al mese per 13 mensilità.

“La Filctem Cgil dell’Emilia-Romagna esprime grande soddisfazione per la sentenza del Tribunale di Ferrara”, commentano il segretario generale Filctem Emilia-Romagna Maritria Coi e il segretario generale Filctem Ferrara Fausto Chiarioni. “Un altro importante tassello – aggiungono Coi e Chiarioni – che testimonia la rilevanza ed il valore del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e degli Accordi Interconfederali”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi